sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 20:54
7 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:21

Perugia, pista del Santa Giuliana ridotta a colabrodo: «Comune dica cosa vuole fare»

Interrogazione di Bori (Pd) sullo stadio dell'atletica: «I lavori sono già stati finanziati. Ci chiariscano tempi e modi»

Perugia, pista del Santa Giuliana ridotta a colabrodo: «Comune dica cosa vuole fare»
La pista del Santa Giuliana

MULTIMEDIA

Guarda le foto

«La pista ormai è totalmente usurata, tanto che in alcune zone si vede chiaramente il cemento sottostante. Oltre a ciò la pedana per il salto in alto è impraticabile e nel 2014 è stata rimossa, poiché instabile, anche la gabbia che gli atleti utilizzavano per esercitarsi nei lanci del disco e del martello». È il consigliere comunale del Pd, Tommaso Bori, a interrogare il sindaco di Perugia e la giunta su quali siano le loro intenzioni in merito alla struttura del Santa Giuliana e ai lavori di cui abbisogna ormai da tempo. Questo, alla luce delle proteste dei cittadini veicolate attraverso la pagina Facebook Salviamo l’atletica a Perugia e in virtù delle problematiche nei rapporti con l’attuale gestore dell’impianto sportivo.

Fotogallery

Problema pista «La struttura del Santa Giuliana – scrive Bori – è oggetto di un importante intervento di ristrutturazione e riqualificazione. Le risorse disponibili sono state attivate con il progetto Puc 2, per cui, siamo di fronte a risorse comunitarie, cofinanziamento del Comune e contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia (circa 1.800.000 euro). I lavori strutturali sono sostanzialmente conclusi dal luglio 2014. Rimane la pista di atletica leggera che deve essere rifatta ed il progetto è stato approvato dalla Fidal nello scorso marzo. La pista non poteva essere oggetto di una semplice manutenzione, perché il sottofondo presentava dislivelli non tamponabili con interventi ordinari. Per la realizzazione degli interventi necessari alla pista stessa ed agli spazi dedicati ai concorsi erano stimati circa 700 mila euro di fondi necessari».

I finanziamenti Nella ricostruzione dei fatti, il consigliere di opposizione fa notare che «fin dall’inizio del mandato dell’attuale amministrazione le risorse necessarie erano già disponibili e lo sono ancora. La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha stanziato un contributo di 500 mila euro, mentre con l’approvazione del Bilancio 2014 il Comune di Perugia ha confermato i 150 mila euro per arrivare alla quota preventivata, avendo così la copertura di bilancio per procedere alla bando di gara. Inserendo l’opera nel piano triennale degli investimenti e reperendo i fondi, la precedente amministrazione aveva già predisposto i passaggi necessari a procedere con gli atti subito dopo l’approvazione del bilancio. Ad oggi sono previsti lavori per 200 mila euro con cui installare la nuova illuminazione, così da trasformare il Santa Giuliana in una struttura in grado di funzionare anche la sera. 100 mila euro per acquistare gli arredi della pista, 50 mila per la sistemazione dell’ex curva Nord e 150 mila per manutenzione straordinaria dei servizi. Le risorse per la maggior parte arriveranno da privati: 500 mila euro infatti sono stati versati dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, tra i 350 e i 450 mila riguardano gli oneri di urbanizzazione legati alla pratica di Decathlon, ormai in arrivo».

Il gestore Bori chiama in causa anche «l’attuale gestore degli impianti sportivi cittadini, la società Kronogest», dicendo che «non gode di buoni rapporti con gli atleti e le società sportive, tanto che è nata su facebook una pagina dal nome “Salviamo l’atletica a Perugia” che con testimonianze, video e foto evidenzia le problematiche del mondo dell’atletica perugina».

Domande al sindaco Per Bori «sia il Sindaco Romizi che l’assessore Prisco in riunioni ufficiali e a mezzo stampa non hanno chiarito la loro posizione rispetto alla richiesta dell’Atletica Csain Perugia e alla petizione presentata per costruire un campo di atletica leggera a Pian di Massiano, come il Piano regolatore del Comune di Perugia prevede». Alla luce di tutto ciò, il consigliere chiede a sindaco e giunta di chiarire rispetto alla «volontà politica di procedere ai lavori, la tempistica per tutti gli atti e bandi conseguenti, il crono-programma di realizzazione per concludere l’opera in tempi certi al Santa Giuliana. Di contro, volontà politica di procedere ai lavori, la tempistica per tutti gli atti e bandi conseguenti, il crono-programma di spostamento del campo di atletica leggera a Pian di Massiano».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250