venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:09
11 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:18

Perugia, le opere di Dottori tornano a palazzo Penna. Possibile inaugurazione il 20 giugno

La giunta approva il progetto esecutivo da 66 mila euro: riallestimento permanente di una quarantina di pezzi nelle sei sale del primo piano seminterrato

Perugia, le opere di Dottori tornano a palazzo Penna. Possibile inaugurazione il 20 giugno
L'autoritratto datato 1928

di Daniele Bovi

Per il taglio del nastro si pensa a una data, simbolica, anche se al momento non è chiaro se tutti i lavori per quel giorno saranno conclusi. Potrebbe essere inaugurato il 20 giugno prossimo a palazzo della Penna l’allestimento permanente delle opere di Gerardo Dottori. Nei giorni scorsi infatti la giunta comunale ha dato il via libera al progetto esecutivo che prevede il riallestimento di un blocco di opere, una quarantina, in sei sale del primo piano seminterrato di palazzo della Penna. In particolare si tratta di quelle di proprietà del Comune, di alcuni privati e di altre in deposito presso la giunta e il consiglio regionale, alla Galleria nazionale dell’Umbria e all’Accademia di belle arti. Oltre alle opere dovrebbero essere esposti anche documenti di archivio e una selezione di pubblicazioni dedicate al pittore perugino.

TORNA PERUGIA COMICS

Il progetto In tutto il Comune potrà contare su 66 mila euro, 41 mila dei quali arrivano dal milione di euro stanziato dal Mibact a favore delle cinque città dichiarate capitali italiane della cultura 2015 dopo essere state sconfitte da Matera, Capitale europea della cultura 2019. In origine le richieste di palazzo dei Priori erano notevolmente più alte: il Comune infatti avrebbe voluto contare su 90 mila euro totali per l’operazione, dei quali 30 mila provenienti dal Ministero come cofinanziamento. Nell’ambito del bando della Regione volto al finanziamento di interventi sulle sedi museali, il Comune aveva chiesto a palazzo Donini 60 mila euro, ma all’amministrazione ne sono stati concessi 25 mila per gli allestimenti e l’impiantistica.

DAL MIBACT 5 MILIONI PER LA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA

Riallestimento Risultato, tutto il progetto è stato rimodulato e presentato agli uffici della Regione mantenendo però l’idea originaria, ovvero quella di sistemare nelle sei sale la quarantina di opere preventivate. Quadri che saranno allestiti solo dopo la fine dei lavori al primo piano seminterrato del palazzo, dove sono in corso le opere di sistemazione degli impianti di condizionamento e di adeguamento alle norme antincendi. Solo a quel punto, a quasi 40 anni dalla morte avvenuta nel giugno del 1977, la città dedicherà a uno dei suoi artisti più importanti uno spazio permanente.

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250