domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:17
15 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:18

Perugia e Terni insieme per la sicurezza in città: lotta al crimine ma anche educazione dei giovani

Nasce il Nucleo operativo, una cabina di regia dei Comuni che potrà avvalersi dell'aiuto delle forze dell'ordine soprattutto nella prevenzione della criminalità

Perugia e Terni insieme per la sicurezza in città: lotta al crimine ma anche educazione dei giovani
I sindaci Di Girolamo e Romizi

Una «cabina di regia» per la sicurezza nelle città di Perugia e Terni. E’ stato presentato stamani il Nucleo operativo di sicurezza urbana: ne faranno parte il consigliere Michelangelo Felicioni e Franco Parlavecchio per Perugia, il maggiore Alessandra Pirro, il consigliere comunale Renato Bartolini e, in qualità di coordinatore, Daniele Pace per Terni. Compito del Nucleo – informa una nota di Palazzo dei Priori – è portare avanti iniziative sulla sicurezza. Anche in collaborazione con le forze dell’ordine, le istituzioni territoriali e i cittadini stessi.

Qui Perugia «Abbiamo iniziato la condivisione di questo percorso con pragmatismo e convinzione – ha detto il sindaco Romizi – nella consapevolezza che ci debba essere una sicurezza partecipata e un’amministrazione partecipata. E’ importante, sul fronte della sicurezza più che mai, essere presenti sul territorio, dialogare e condividere». Tra le prime iniziative previste ci saranno incontri con gli studenti nelle scuole, la promozione dell’inclusione sociale e il rafforzamento della capacità di far fronte alle esigenze di sicurezza.

Qui Terni «Recentemente nella nostra città – ha aggiunto il sindaco ternano Leopoldo Di Girolamo – si sono verificate emergenze che hanno reso l’esigenza della sicurezza prioritaria per la città. Con la firma del protocollo abbiamo voluto mettere insieme le nostre esperienze e soprattutto delineare prospettive future comuni, a cui oggi si aggiunge un altro tassello con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini».

No al degrado I componenti del Nos – prosegue il comunicato – hanno detto che le politiche della sicurezza non sono più fatte soltanto di repressione e prevenzione della criminalità, ma anche di lotta al degrado urbano, di educazione delle nuove generazioni, di nuovi strumenti di reperimento delle risorse e di presenza costante sul territorio.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250