martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:57
14 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:15

Perugia, da Leo Cenci a Giuliano Cerulli cinque gli iscritti all’albo d’oro: i nomi. L’elenco dal 1991

In consiglio comunale via libera col voto segreto: oltre a loro ci sono Paolo Belardi, il rettore dell'Università di Bologna Francesco Ubertini e la Croce rossa

Perugia, da Leo Cenci a Giuliano Cerulli cinque gli iscritti all’albo d’oro: i nomi. L’elenco dal 1991
Leonardo Cenci

di Daniele Bovi

Da tre a cinque, per cercare di accontentare tutte le parti in gioco. Lunedì prossimo, nel corso delle celebrazioni del XX Giugno, come ogni anno verranno iscritte all’albo d’oro cittadino alcune personalità o associazioni «che abbiano dato particolare lustro alla città». La cerimonia, come di consueto, si svolgerà alla Sala dei Notari di palazzo dei Priori con la consegna agli iscritti di una pergamena, firmata dal sindaco Andrea Romizi, nella quale è riportata la motivazione. I nomi scelti per quest’anno sono quelli del professor Giuliano Cerulli, di Leonardo Cenci, del professor Paolo Belardi, di Francesco Ubertini e di un’associazione, la Croce Rossa. Personalità più o meno note in città: particolarmente conosciuto è Cerulli, attualmente direttore di Ortopedia al policlinico Agostino Gemelli di Roma. Nel corso della sua lunghissima carriera ha sviluppato un’innovativa tecnica artroscopica mini-invasiva per la ricostruzione del crociato anteriore. Oltre trentamila gli interventi fatti, quasi 10 mila i crociati ricostruiti, tantissimi i calciatori curati, da Batistuta a Trezeguet.

Chi sono Tutto ciò senza dimenticare l’impegno in politica, sponda centrodestra: nel 1995 infatti, in quella che nella storia politica umbra è passata sotto il nome di «stagione dei professori», si candidò a sindaco, perdendo, contro il centrosinistra di Gianfranco Maddoli. Di pochissime presentazioni ha bisogno Leonardo Cenci, che con la sua storia personale e la sua associazione, «Avanti tutta» (impegnata nella lotta contro il cancro) è diventato una delle anime della città, e non solo per quanto riguarda il mondo del volontariato. A guardare in lui con fiducia e speranza, infatti, sono in molti. Il professor Paolo Belardi invece, perugino classe 1958, è direttore dell’Accademia di belle arti «Pietro Vannucci» dal 2013 e associato di Disegno al Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia, dove attualmente insegna Architettura e composizione e Progettazione digitale nell’ambito del corso di laurea magistrale in Ingegneria edile-Architettura. Allievo di Vittorio De Feo, con il quale ha collaborato tra il 1982 e il 1985, è stato insignito di numerosi premi internazionali e i suoi progetti sono stati esposti in molte mostre.

PERUGIA 1416, SABATO IL CORTEO E LA SFILATA

Ubertini e la Croce rossa Meno noto probabilmente al grande pubblico il professor Francesco Ubertini: originario di Perugia, da neppure un anno è diventato rettore della più antica università del mondo, quella di Bologna. Quarantacinque anni, docente di Scienza delle costruzioni al Dipartimento di ingegneria, reggerà l’Alma Mater fino al 2021. Dopo aver conseguito il diploma scientifico a Perugia, inizia la sua avventura a Bologna, dove si iscrive a Ingegneria civile e dove si laurea con lode nel 1994. Da allora, dopo aver conseguito anche il dottorato di ricerca in Meccanica delle strutture, vive e lavora nella città felsinea. Oltre a loro, come accennato, verrà iscritta la Croce rossa. A scegliere i nomi, in teoria tre anche se nel corso degli anni sono state fatte numerose eccezioni, è una commissione apposita di consiglieri comunali, con il ‘pacchetto’ che poi arriva in consiglio dove viene votato a scrutinio segreto. Un meccanismo che porta inevitabilmente a trattative, spinte e controspinte.

Il meccanismo Riunione e votazione sono arrivate lunedì pomeriggio, all’ultimo secondo disponibile, e in maggioranza c’è chi, ad esempio, al posto della Croce rossa avrebbe preferito l’Avis o i Lions ma alla fine la scelta è caduta sulla Cri. Chi rivendica apertamente l’appoggio a Cerulli è il consigliere comunale ‘fittiano’ Carmine Camicia, membro di quella Commissione lob d’oro che «ancora una volta – dice – ha scelto persone che hanno ricevuto riconoscimenti internazionali. Il prossimo anno il sottoscritto, che anche in questa fase ha contribuito nella scelta dei benemeriti proponendo il professor Cerulli, proporrà alla Commissione albo d’oro una rosa di nomi composta da tutte donne e sarà sicuramente una scelta difficile perché di donne perugine che si sono distinte sia a livello nazionale che internazionale ne abbiamo tantissime». Nel 2015 furono premiati Brunangelo Falini, Mario Torelli e la sezione perugina dell’Unione nazionale Cavalieri d’Italia. Di seguito riportiamo i nomi di tutti gli iscritti all’albo d’oro dal 1991.

2015
Brunangelo Falini
Mario Torelli
Unione Nazionale Cavalieri d’Italia – Sez. di Perugia

2014
Premio non assegnato in considerazione della scadenza del mandato elettorale

2013
Maria Giovanna Belati Monasterio
Franco Buitoni
Padre Martino Siciliani
Ricercatori e collaboratori dei Centri di Ricerca CRB e CIRIAF
dell’Università degli Studi Perugia

2012
Ilario Castagner
Giovanna Speziali Benedetti
Conservatorio di Musica “Francesco Morlacchi”

2011
Dott. Bruno Brunori
Geom. Ciangottini Carlo
Avv. Silvio Gentile
Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”

2010
Monsignor Elio Bromuri
Prof. Massimo Fabrizio Martelli
Prof. Tullio Seppilli
Filippo Timi

2009
Italo Vinti
Associazione Pro-Ponte
Opera Don Guanella
Monsignor remo Bistoni
Ivano Rasimelli

2008
Francesco Innamorati
Ugo Mercati
Bruno Signorini
Comunità suore di Gesù Redentore

2007
Associazione sportiva dilettantistica Pontevecchio Srl
Giorgio Casoli
Mario Tomassini
Perugina

2006
Pompeo Cagini
Maria Grazia Lungarotti
Fondazione O.N.A.O.S.I
Renato Romizi

2005
Fondazione per l’ istruzione agraria in Perugia
Associazione Calcio Perugia
Sirio Pallavolo
Perugia Volley

2004
Vincenza Losito Baldasserini
Stelio Zaganelli
Marcello Grego

2003
Associazione Umbria Jazz
Sandri
Giuditta Brozzetti

2002
Artemio Giovagnoni
Raffaele Rossi
Armando Catrana

2001
Giacomo Santucci
Francesco Venanti
Italo Moretti

2000
Famiglia Perugina
Spagnolia – Città della Domenica
Società del Gotto

1999
Non assegnato il premio in considerazione della scadenza del mandato elettorale

1998
Romeo Mancini
Comitato per la Vita “Daniele Chianelli”
Fontemaggiore –(Centro Produzione Teatrale)

1997
Ignazio Baldelli
Averardo Montesperelli
Scuola dell’Infanzia “S. Croce” – Casa dei bambini “M. Montessori”

1996
Sagra Musicale Umbra
Opere Pie Donini
Paolo Larizza
Camera del Lavoro di Perugia

1995
Padre Diego Donati

1994
Cecilia Caselli
Roberto Cappelletti
Gisberto Mannocci

Ricorrendo il 50° Anniversario della Liberazione della città di Perugia dal nazifascismo,
sono stati inoltre iscritti all’Albo d’Oro, in via eccezionale:

Walter Binni
Comitato di Liberazione Nazionale – C. L. N. (depositato in Comune)
Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti – A.N.P.P.I.A.
Associazione Nazionale ex Internati – A.N.E.I
Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – A.N.P.I.
Federazione Italiana Volontari della Libertà – F.I.V.L. (depositato in Comune).

1993
Gianfranco Rosi
Vincenzo Parlavecchio;
Maria Antonietta Paolini (scuola Montessori)

1992
Nobile Collegio del Cambio
Unione Sportiva Braccio Fortebraccio
Sodalizio di San Martino

1991
Società di Mutuo Soccorso fra gli artisti e gli operai di Perugia
Casa di Ospitalità per anziani di Fontenuovo
Associazione Amici della Musica

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250