venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:38
26 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 21:54

Perugia, da aprile a giugno nate 1.213 imprese: 13 al giorno, il doppio di quelle chiuse

Soddisfazione di Mencaroni: «È tornata la voglia di fare impresa. Le difficoltà restano ma i segnali sono incoraggianti»

Perugia, da aprile a giugno nate 1.213 imprese: 13 al giorno, il doppio di quelle chiuse

Da aprile a giugno in provincia di Perugia sono nate 1.213 imprese: il migliore secondo Trimestre degli ultimi 5 anni. Nel contempo le cessazioni, pur salendo leggermente rispetto a dodici mesi fa, si fermano a 691 unità, un livello molto contenuto, che porta il saldo nati/mortalità in positivo di 522 unità, dato mai così positivo dal 2011. Lo evidenziano i dati Movimprese per il II trimestre del 2016.

Voglia di impresa «Possiamo dire che nel II trimestre 2016 in provincia di Perugia si è riaccesa la voglia di fare impresa – afferma Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di commercio di Perugia -. In 90 giorni abbiamo visto nascere 1.213 nuove imprese, più di 13 al giorno, con una crescita del 13,3% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le cessazioni si sono fermate a 691 unità, la metà o poco più delle nuove imprese. Ne risulta un saldo estremamente positivo di 522 imprese».

Consolidamento «I risultati del II trimestre dell’anno – aggiunge Mencaroni – portano a un consolidamento del sistema imprenditoriale della provincia di Perugia che tocca 73.228 unità. E’ significativo che pur alle prese con difficoltà attenuate rispetto a un anno fa, ma ancora tutt’altro che superate, nella nostra provincia riescano a nascere oltre 13 imprese al giorno, che vanno a colmare e consolidare lo spazio lasciato dalle imprese cessate, circa 7 al giorno, la metà delle nuove nate. La dinamica è chiara e incoraggiante: da aprile a giugno 2016 per ogni impresa costretta a chiudere, ne sono nate due nuove».

Forme giuridiche Da notare sul fronte congiunturale, quindi rispetto al I trimestre dell’anno, la forte contrazione delle cessazioni, passate da 1.480 a 691, e una inversione netta del saldo nascite/mortalità che passa da -239 a +522. Per forma giuridica, tra le nuove iscritte boom delle società di persone che crescono del 108%, in controtendenza le società di capitali che scendono del 7,5%, mentre tornano a crescere le ditte individuali con un + 12,3%; in forte calo le altre forme societarie: -33,3%. Più di tutte cessano ditte individuali e società di persone, mentre reggono bene e restano sul mercato le società di capitali (cessazioni -3,5%) e le altre forme societarie (-11,1%).

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250