venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 13:46
14 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:22

Perugia, crolla il numero delle imprese artigiane: perse oltre 1.500 in quattro anni

Impietosi i numeri della Camera di commercio: solo 316 iscritte tra gennaio e marzo. Mencaroni: «Colpa di consumi bassi e tasse alte». Barlumi di ottimismo da donne e stranieri

Perugia, crolla il numero delle imprese artigiane: perse oltre 1.500 in quattro anni
Artigianato

Al 31 marzo le imprese artigiane attive in provincia di Perugia erano 16.738: un numero mai così basso da cinque anni a questa parte. Lo rileva la Camera di commercio basandosi sui dati del I trimestre 2016.  In quattro anni, dal primo trimestre 2012 al primo 2016, il sistema artigiano perugino ha perduto 1.586 imprese, passando da 18.324 unità alle attuali 16.738. Come dire, che dal 31 marzo 2012 non è passato giorno senza che chiudesse almeno una azienda artigiana.

Artigianato colpito duramente «Le imprese artigiane – commenta Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia – sono quelle che più di tutte hanno risentito degli effetti della crisi. E ancora oggi, con la crisi che sembra definitivamente avviata verso la fine, l’Artigianato è la sola categoria economica che continua a registrare cali significativi delle imprese attive». Lo prova l’andamento delle iscrizioni nei primi 90 giorni del 2016 ferme a quota 316, il valore più basso registrato nello stesso periodo degli ultimi cinque anni, con una diminuzione dell’1,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Al contrario, nello stesso periodo, le nuove iscrizioni totali delle imprese sono aumentate del 6%». In calo anche il numero delle imprese che hanno cessato l’attività – 510 dal 1 gennaio al 31 marzo 2016 – comunque sempre superiore a quello delle nuove iscrizioni. Il saldo, dunque, è negativo per 194 unità, peraltro il valore più contenuto registrato nei primi trimestri degli anni a partire dal 2013. Il saldo negativo nati/mortalità con cui si apre il 2016, è stato generato dalla diminuzione delle cessazioni e non da un aumento delle iscrizioni.

Consumi bassi e tasse alte Le difficoltà delle imprese artigiane certo, sono in generale legate agli effetti di una crisi globale e di due successive recessioni (la seconda appena terminata), «ma anche – secondo Mencaroni – alla caduta dei consumi delle famiglie e alla loro lentissima ripresa, a una pressione fiscale aumentata in maniera abnorme, senza dire di un accesso ai finanziamenti praticamente azzerato e dell’aumento dei costi di gestione. Ma oltre al danno economico causato dalla chiusura di tante attività, c’è anche un aspetto sociale molto preoccupante da tenere in considerazione. Quando chiude definitivamente la saracinesca di una azienda, di una bottega artigiana, peggiora la qualità della vita dell’intera area in cui essa lavora: c’è meno sicurezza, più degrado e il rischio di un concreto impoverimento del tessuto sociale».

Alcuni settori reggono «Per fortuna – ha sottolineato Mencaroni – l’Artigianato è ancora vivo e capace di proiettarsi nel futuro, di avere un domani, oltre la crisi. In alcuni settori come il tessile e l’agroalimentare, ma anche la meccanica, siamo nella condizione di poter competere con chiunque, sia in Italia che all’Estero. Laddove sono necessari intelligenza, creatività, cultura, eccellenza, possiamo competere e vincere. Percorsi che tuttavia non ci devono trovare isolati: dobbiamo fare sistema, operare per reti di impresa, investire sulla innovazione, sulla conoscenza e sulla formazione. L’Artigianato non deve tradire la sua natura, ma non deve temere i mutamenti, a cominciare dall’apertura al digitale. L’artigianato deve riuscire ad annullare un “digital divide” ancora troppo ampio, convincendosi che, in fondo, applicando percorsi e applicazioni digitali sempre meno standardizzate, si contribuisce a far rivivere il concetto di artigianalità».

Ottimismo per donne e stranieri Un dato positivo deriva dal cambiamento del panorama imprenditoriale, segno di vitalità. Il nuovo artigianato perugino è “donna” – femminile il 15% del totale delle imprese – e “straniero” il 18% del totale. Contrastato il dato sui giovani entranti, gli under 35: creano il 20% delle nuove imprese nel I trimestre del 2016, ma in termini tendenziali, calano del 10%. Le imprese straniere, invece, registrano un notevole incremento (+ 21,3%), muovendosi in senso opposto rispetto al dato nazionale, che registra una flessione del 3,2%.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250