sabato 24 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:55
22 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:24

Perugia, Art bonus 2016: Comune a caccia di quasi 2 milioni di euro per dodici beni. Ecco l’elenco

La lista è stata presentata nel pomeriggio all'auditorium San Francesco: gli interventi più rilevanti riguardano porta San Pietro, l'acquedotto di via Appia e porta Conca

Perugia, Art bonus 2016: Comune a caccia di quasi 2 milioni di euro per dodici beni. Ecco l’elenco

MULTIMEDIA

Guarda le foto

Non più sei, come originariamente stabilito dalla giunta comunale, ma dodici. Tanti sono i beni bisognosi di cure scelti per l’Art bonus 2016, grazie al quale chi vorrà potrà donare soldi per interventi di manutenzione, consolidamento e restauro di beni culturali pubblici usufruendo di un credito d’imposta pari al 65 per cento. La lista di interventi è stata presentata mercoledì pomeriggio all’auditorium di San Francesco al Prato dall’Amministrazione comunale. «Si tratta di beni di proprietà comunale che la giunta – spiega palazzo dei Priori – ha individuato non solo in base all’importanza e alle esigenze di riqualificazione del bene stesso, nonché alla fattibilità dell’intervento, ma anche tenendo conto delle segnalazioni degli stessi cittadini, desiderosi di veder recuperati monumenti significativi per la città». Nelle settimane scorse infatti la giunta aveva dato vita a un primo elenco di beni, sei in tutto, precisando che si trattava di una lista aperta ai suggerimenti. Complessivamente per i dodici interventi il Comune va a caccia di quasi due milioni di euro, per la precisione 1,828.

FOTOGALLERY: LA PRESENTAZIONE ALL’AUDITORIUM SAN FRANCESCO

La lista L’intervento economicamente più rilevante (600 mila euro) è quello che riguarda le due facce di porta San Pietro, per le quali c’è bisogno di ripulitura, consolidamento e installazione di nuovi punti luce per valorizzare maggiormente il monumento. Poi ci sono i 500 mila euro per l’acquedotto di via Appia, che versa in condizioni di degrado. Altro intervento significativo quello pensato per porta Conca, 318.500 euro tra restauro, ripulitura e apertura della porta del bastione destro per garantire un attraversamento pedonale sicuro. C’è poi l’arco della Mandorla o di porta Eburnea, lungo la cinta muraria etrusca, per il quale si vorrebbero raccogliere 206 mila euro per ripulitura e restauro. Nella lista sono stati inseriti anche il monumento al Perugino dei giardini Carducci (68 mila euro per restauro e nuova pavimentazione), 25 mila euro per la fonte della Lomellina (addossata al muraglione della Rocca Paolina, lungo via Marzia), 11.500 per il monumento ai caduti di Ponte San Giovanni, 40 mila per la porta di San Girolamo, 20.400 per la chiesa di Sant’Angelo a Ponte Felcino, 6 mila per l’edicola di piazza Monteluce (costruita negli anni ’20 dell’Ottocento che si trova in via Eugubina) e 16 mila per il pozzo del Castellano.

LA SCHEDA CON GLI INTERVENTI

Nel 2015 Per conoscere più da vicino i beni il Comune di Perugia, in collaborazione con la Rete promozione salute della Usl Umbria 1 ha anche organizzato, per martedì 28 a partire dalle 20.30, un «Piedibus del benessere» per camminare «insieme alla scoperta dei beni Art bonus 2016». L’appuntamento è a Monteluce per una passeggiata culturale e divertente nel centro storico della città che toccherà tutti i 12 monumenti individuati. Già per il 2015 l’Amministrazione aveva fatto ricorso al mecenatismo dei cittadini che ha portato al recupero e restauro di quattro monumenti. La prima ad essere completamente restaurata è stata la vera del Pozzo Etrusco, inaugurata lo scorso 21 gennaio, dopo l’intervento che ha visto l’apposizione di una nuova pavimentazione in travertino anticato nella zona di rispetto e il posizionamento di un nuovo arredo urbano e di elementi informativi (due panchine monolitiche in massello di travertino con integrata illuminazione a livello della pavimentazione e due totem con pannelli che illustrano la sezione del Pozzo etrusco ed il suo collegamento con il Palazzo), nonché di una serie di dissuasori a paletto atti a non permettere l’accesso alla zona circostante la vera a moto e auto.

Pronta la fontana Oltre alla vera, sono stati finanziati il restauro della Fontana di via Maestà delle Volte, per un importo di 25 mila euro e delle statue e dell’arco del Frontone – Teatro dell’Arcadia, con i fondi raccolti grazie a Camilla Cucinelli e Riccardo Stefanelli, in occasione del loro matrimonio per un importo di 50 mila euro; coniugi Cucinelli che parteciperanno all’inaugurazione prevista per il 28 giugno. Per il Frontone, invece, l’inizio dei lavori è previsto per il prossimo settembre, con termine presumibilmente entro novembre. Resta ancora da completare il finanziamento della Fonte dei Tintori, per la quale è stato stimato un intervento del valore complessivo di 150 mila euro e sono stati erogati fondi per 27.510 euro. Complessivamente, dunque, ad oggi sono stati donati grazie ad Art Bonus 160.510 euro da 334 mecenati.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250