martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:56
18 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:19

Perugia 1416, tanti in centro per il grande corteo: vince Porta Santa Susanna

Nel pomeriggio il programma rinviato per il nubifragio: dall'ingresso di Braccio alla consegna dell'ambito premio. Tutte le classifiche

Perugia 1416, tanti in centro per il grande corteo: vince Porta Santa Susanna
Porta Santa Susanna vincitrice del Palio

Il bel tempo bacia la ripetizione della prima edizione di Perugia 1416. Alcune migliaia di persone si sono ritrovate in centro per assistere alla giornata conclusiva. Al termine dell’ultima prova a vincere è stata Porta Santa Susanna. Dopo il rinvio per nubifragio, dopo le polemiche, dopo l’incidente della foto ritoccata, dunque finalmente Perugia 1416 ha vissuto il suo epilogo. Dalla messa a punto degli abiti al riscaldamento degli atleti, i cinque Rioni hanno serrato le fila per aggiudicarsi il Palio 2016.

FOTOGALLERY

La giornata Porta Santa Susanna, vincitore del Palio di Perugia 1416, dopo le sfide della settimana scorsa si era classificato terzo con 20 punti totali, a pari merito con i Rioni di Porta Sant’Angelo e Porta Sole, mentre i primi due in classifica erano i Rioni di Porta Eburnea (29) e di Porta San Pietro (26). Nelle ultime due prove di Porta Santa Susanna ha raggiunto 25 punti nella gara del Corteo Storico e 30 nella Corsa al Drappo, il massimo in entrambe le prove. Ad annunciare al pubblico e al popolo dei Rioni in attesa (“Magistrati e cittadini di Peroscia”), il vincitore del palio è stato lo stesso Braccio, che sulla scalinata della Sala dei Notari, “alla fine della nobile disputa che ha visto in campo i Rioni”, ha proclamato Porta Santa Susanna vittorioso e ha chiamato a sé il Capitano, Fabrizio Bovi, per cingerlo con il Collare della vittoria e consegnare il drappo.

TUTTO SU PG 1416

Soddisfazione Grande la soddisfazione del popolo del rione, che al momento della consegna del Palio si è stretto intorno al suo capitano per festeggiare. «Un’esperienza fantastica – ha detto il Capitano Bovi – una grande soddisfazione per tutti noi che, fin dall’inizio ci siamo impegnati e abbiamo lavorato sodo per organizzare tutto al meglio. Abbiamo fatto gemellaggi con i borghi del lago Trasimeno, con la Porta di San Fecondino di Gualdo Tadino che ci ha curato tutto il corteo. Siamo uno dei pochi rioni che ha aperto una taverna – ha detto con orgoglio Bovi – dove stasera festeggeremo alla grande il nostro Palio, che custodiremo per tutto l’anno».

Severini: «Grazie Perugia» «Grazie Perugia. Bravi tutti e grazie ancora per questa splendida manifestazione – è stato il saluto finale dell’assessore alla Cultura Teresa Severini alla città riunita in Piazza IV Novembre -. Da domani ci metteremo a lavoro per la prossima edizione di Perugia 1416».

Numeri Circa 600 complessivamente i figuranti che hanno partecipato al corteo, Rioni, città e rievocazioni ospiti, che fin dal primo pomeriggio hanno riempito il centro storico, calando la città in un’atmosfera suggestiva. Numeroso anche il pubblico, arrivato dalla città, ma anche da fuori, per assistere a questa prima rievocazione storica.

Il corteo In perfetto orario sono sfilati i cortei dei Rioni, quindi è partita la Reggenza da Palazzo dei Priori per raggiungere l’Arco Etrusco che ha fatto da sfondo all’incontro con Braccio Fortebracci e il suo corteo di armigeri e nobili di Montone. Preceduti dai tamburini e dai mazzieri i tre Priori del Nobile Collegio della Mercanzia, Franco Ivan Nucciarelli, Marco Nicoletti e Giulio Vicarelli, seguiti dai sette Priori dei Rioni (Giancarlo Barboni e Mario Orsini per Porta Eburnea, Gianluca Millucci e Mauro Rossi per Porta San Pietro, Leonardo Cenci per Porta Sant’Angelo, Mario Gambelunghe per Porta Santa Susanna e Alberto Romizi per Alberto Romizi). Dall’Arco Etrusco, Braccio e la Reggenza, insieme ai rispettivi cortei, sono quindi tornati verso Piazza IV Novembre, dove tutti i Rioni e le delegazioni ospiti hanno sfilato e preso posto in attesa della Corsa al Drappo prima e della proclamazione del vincitore subito dopo.

Le classifiche Questa, dunque la classifica al termine delle quattro sfide di Perugia 1416:
1° classificato – Rione di Porta Santa Susanna con 75 punti
2° classificato – Rione di Porta Eburnea con 64 punti
3° classificato – Rione di Porta San Pietro con 61 punti
4° classificato ex equo- Rione di Porta Sant’Angelo con 55 punti
4° classificato ex equo- Rione di Porta Sole con 55 punti

Nella seconda giornata di gare, sabato 18 giugno, la situazione in classifica è stata la seguente:
Sfida della Corsa al Drappo:
1° classificato – Rione di Porta Santa Susanna con 30 punti con gli atleti Alessandro Padella, Carlo Ponzi, Marco Gramaccia, Nicolò Fratini, Roberto James Paoluzzi, Anton Mariani (riserva)
2° classificato – Rione di Porta Sole con 26 punti (atleti Enrico Polidori, Matteo Boncio, Nicola Alberati, Loenzo Telegalli, Angeli Bruja)
3° classificato – Rione di Porta Eburnea con 22 punti (atleti Alessandro Berti, Tommaso Segoloni, Alessio Malfagia, Maurizio Modugno, Lorenzo Costabile)
4° classificato – Rione di Porta San Pietro con 18 punti con gli atleti Leo Gaggiotti, Lorenzo Fantucci, Massimo Maria Carboncelli, Alessandro Staffa, Lorenzo Menculini
5° classificato – Rione di Porta Sant’Angelo con 14 punti (atleti Stefano Faina, Federico Monteneri, Daniele Toccaceli, Federico Milletti, Tommaso Barbieri)
A dirigere la corsa il sestetto arbitrale, diretto dal responsabile di gara Giancarlo Finauro e composto dagli arbitri FIDAL D’Astoli, Bracci, Damiani, Petrini e Vinti.

Sfida del Corteo Storico:
1° classificato – Rione di Porta Santa Susanna con 25 punti
2° classificato – Rione di Porta Sant’Angelo con 21 punti
3° classificato – Rione di Porta San Pietro con 17 punti
4° classificato – Rione di Porta Eburnea con 13 punti
5° classificato – Rione di Porta Sole con 9 punti
A giudicare l’attinenza storica, l’originalità dei costumi e la spettacolarità della sfilata tre giudici esperti, quali la professoressa Ambra Cenci (Presidente), lo storico del Medioevo Jacopo Mordenti e Monica Serra D’Elia.

Questi i nomi dei capitani dei cinque Rioni cittadini:
Porta Santa Susanna, Fabrizio Bovi
Porta Eburnea, David Andrea Orsini
Porta San Pietro, Michele Montecucco
Porta Sant’Angelo, Alamo Ercolanelli
Porta Sole, Roberto Tittarelli

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250