sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 08:59
27 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:57

Permessi di soggiorno, protesta dei sindacati davanti alle prefetture

A Perugia sit-in di Cgil, Cisl e Uil martedì alle 16: «Estendere a 24 mesi per chi ha perso il lavoro»

Permessi di soggiorno, protesta dei sindacati davanti alle prefetture
Migranti a Perugia

Cgil, Cisl e Uil chiedono al governo di estendere a 24 mesi il permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro. Per questo in tutto il Paese è stata indetta per martedì 28 giugno una giornata di mobilitazione unitaria dei tre sindacati confederali, con presidi davanti a tutte le Prefetture.

Sit-in a Perugia A Perugia Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria organizzano un sit-in unitario in Piazza Italia a partire dalle ore 16 alle 18. All’iniziativa, che prevede anche un incontro con il prefetto da parte di una delegazione dei tre sindacati, saranno presenti anche molte associazioni che operano per garantire l’integrazione e rappresentanze dei vari popoli presenti in Umbria. Sono state inoltre invitate a dare un loro autorevole contributo anche le istituzioni locali e in particolare la presidente della Giunta, la presidente del Consiglio, il presidente della provincia di Perugia, il sindaco di Perugia e il presidente Anci Umbria.

Rischio lavoro nero «Gli stranieri vedono messa in discussione la propria permanenza regolare sul territorio nazionale stante le norme restrittive vigenti in materia di soggiorno in Italia – spiegano i sindacati -. Come risultato, una parte di loro è dovuta andarsene per cercare lavoro all’estero. La maggior parte, però, è finita nella trappola del lavoro sommerso, un tunnel da cui è difficilissimo uscire ed in cui vengono cancellati i diritti fondamentali, civili e del lavoro».

Estendere a 24 mesi Da molto tempo Cgil, Cisl, Uil hanno chiesto al governo italiano di estendere la durata del permesso per attesa occupazione a due anni, «vincolando il provvedimento alla messa in atto di concrete politiche attive del lavoro». Cgil Cisl e Uil ricordano «come il lavoro nero (in molti settori produttivi) stia producendo situazioni di grave sfruttamento e sia spesso funzionale a fenomeni di tratta e lavoro forzato. Da qui la necessità di affrontare seriamente questo problema con l’adozione di provvedimenti legislativi atti a prolungare la durata del permesso per attesa occupazione (almeno a due anni) ed evitare che decine di migliaia di persone finiscano nelle mani del racket del lavoro nero e del grave sfruttamento».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250