martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:31
30 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:15

Passignano, il dramma del giovane chef annegato nel lago Trasimeno: Matteo Pierri aveva 25 anni

Secondo la ricostruzione lo chef di Ospedalicchio stava pescando quando ha accusato un malore ed è caduto in acqua. La procura di Perugia apre un'inchiesta sulla sua morte

Passignano, il dramma del giovane chef annegato nel lago Trasimeno: Matteo Pierri aveva 25 anni
Un operatore del 118 (foto archivio Fabrizi)

di En.Ber.

Si chiama Matteo Pierri il 25enne di Perugia annegato ieri sera a Passignano sul Trasimeno. Lo chef stava pescando quando potrebbe aver accusato un malore ed è caduto in acqua: i carabinieri hanno rintracciato attrezzatura da pesca nei pressi di un piccolo molo di San Donato dal quale non lo aveva visto tornare la fidanzata che intorno alle 19 ha iniziato a preoccuparsi. E’ stata la stessa giovane a notare il cadavere in acqua a pochi metri dalla riva dove l’acqua è ancora molto bassa.

Le indagini dei carabinieri Sul posto sono intervenuti, oltre ai carabinieri di Passignano sul Trasimeno (guidati dal maresciallo Paolo Vincenzo Giulivi) i colleghi del nucleo radiomobile di Città della Pieve ed un’ambulanza. Sull’episodio sono in corso gli accertamenti della magistratura. L’inchiesta è condotta dal sostituto procuratore Michele Adragna. Si cerca di capire le ragioni dell’incidente ma l’ipotesi più probabile è che Pierri, che viveva ad Ospedalicchio, possa aver accusato un forte malore. Sul corpo non sono stati notati segni di violenza

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250