domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:59
4 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:51

Passignano, con gli skateboard a tutta velocità in discesa lungo la provinciale: multati sette ragazzi

L'episodio sulla 142 che collega Castel Rigone alla cittadina sulle sponde del Trasimeno: ad allertare i carabinieri sono stati alcuni automobilisti spaventati

Passignano, con gli skateboard a tutta velocità in discesa lungo la provinciale: multati sette ragazzi
Uno skater

di Daniele Bovi

Il panorama, uno dei più belli dell’Umbria, è di quelli che tolgono il fiato ma è meglio non distrarsi troppo e tenere gli occhi piantati sulla strada e il volante ben stretto con tutte e due le mani, anche se tutto ciò potrebbe non bastare: da dietro una curva infatti potrebbe spuntare all’improvviso un ragazzino lanciato a tutta velocità sopra uno skateboard. La strada è la provinciale 142, nel tratto (in salita se si arriva dalle sponde del lago) che collega Passignano sul Trasimeno a Castel Rigone. Lì venerdì mattina, in particolare lungo il pezzo tra San Vito e Trecine, come segnalato da qualche automobilista ai carabinieri della stazione di Passignano, dei ragazzi sfrecciavano in discesa sugli skateboard. Un gruppo ben organizzato: alla fine del ‘tracciato’ infatti alcuni segnalavano agli automobilisti che nel frattempo sopraggiungevano di andare piano e di stare attenti, e lo stesso facevano con i ciclisti che si godevano la sgambata e la vista mozzafiato sul Trasimeno.

Sette multe Più in alto, vicino a una strada sterrata e a una casa, un furgone aperto con dentro le tavolette munite di ruote, altro materiale e il restante gruppo di skaters, probabilmente non tutti con le rotelle a posto dato che, nonostante le precauzioni come casco, protezioni e avvertimenti agli automobilisti, la probabilità di farsi molto male e di essere centrati da un’auto durante questi downhill c’è. Gli automobilisti che venerdì hanno notato gli skaters hanno preso il cellulare in mano e hanno chiamato i carabinieri della stazione di Passignano. I militari in pochi minuti sono arrivati nella zona e hanno sorpreso l’intero gruppo di ragazzi: si tratta di tre perugini e quattro romani, questi ultimi arrivati sulle sponde del lago su invito dei primi. A quel punto i carabinieri li hanno multati contestando due articoli del Codice della strada. A tre è stato il 141, che prevede multe da 41 a 168 euro per coloro che viaggiano lungo le strade ad eccessiva velocità mettendo il pericolo la sicurezza delle persone; agli altri il 190 che vieta lungo la carreggiata delle strade «la circolazione mediante tavole, pattini o altri acceleratori di andatura» e, ancora, «giochi, allenamenti e manifestazioni sportive non autorizzate». La multa? da 25 a 99 euro.

Non era il primo caso Quel che è certo è che quello di venerdì non è stato un caso isolato: già un’altra volta, sempre su segnalazione di qualche automobilista (uno di essi era riuscito a schivare per un pelo un ragazzo), i militari di Passignano guidati dal maresciallo Paolo Giulivi erano intervenuti riuscendo però in quell’occasione a trovare solo uno skater. Curioso quanto messo a verbale venerdì da due ragazzi romani, che hanno voluto precisare come per l’occasione avessero indossato una particolare marca di scarpe. Il motivo? Le sessioni di freeride e downhill spesso vengono riprese da telecamere e poi postate su Youtube dove fanno il pieno di visualizzazioni. Il fenomeno non riguarda certo solo l’Umbria (dove a febbraio qualche multa l’avevano fatta sempre i carabinieri in quel di Gubbio) o il resto del paese e le sanzioni, come visto, sono poca cosa e non riescono a scoraggiare il downhill senza regole, quello cioè lontano dalle normali competizioni organizzate da associazioni o federazioni.

Cosa dice il Codice Per gli amanti di questo sport o di altri (si pensi ad esempio ai pattini) è importante sapere cosa impone il Codice della strada, almeno fino a quando non verrà rivisto allo scopo, come chiede qualcuno, di normare in modo più soft queste forme di mobilità alternativa. Skateboard, pattini a rotelle e monopattini vengono considerati «acceleratori di andatura» e, nel caso degli ultimi, «macchine per uso di bambini» e generalmente il loro uso lungo le carreggiate è vietato. Quanto alle aree esclusivamente riservate ai pedoni (si pensi ad alcuni parchi, oppure alle vie pedonalizzate all’interno delle città) l’utilizzo di skate o pattini è consentito purché non crei pericoli per i pedoni. Quindi, ad esempio, si può viaggiare lungo i marciapiedi se non ci sono persone troppo vicine e facendo comunque attenzione ad andare molto piano.

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250