sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 10:39
7 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:44

Passeggiata di 4 ore per Perugia: il teatro è per strada camminando, 15 euro per partecipare

Al massimo 15 spettatori, biglietto acquistabile al Morlacchi. Tutti dietro all' 'Uomo che cammina'

Passeggiata di 4 ore per Perugia: il teatro è per strada camminando, 15 euro per partecipare

Un uomo percorre la città passeggiando. Attraversa una varietà di spazi che si susseguono all’interno di un ininterrotto piano sequenza – l’oscurità di una caverna, la densità dei luoghi storici nel centro abitato, zone del vissuto quotidiano, periferie, interstizi, ambientazioni sintetiche e simulacri. Durante questo tragitto il frammento di una vita si dispiega: un pomeriggio d’estate dall’andamento sospeso, la figura di un uomo umbratile e sfuggente, calato in un gioco di apparizioni e depistaggi narrativi. Ad accompagnarlo verso un’ascesa solarizzata incontra bande di arcangeli, sosia e donne velate. Attraverso il suo viaggio il paesaggio si apre e si svela agli occhi del pubblico che lo segue a distanza, come a spiarlo, in bilico tra identificazione e distacco. Addentrandosi sempre più profondamente nella sostanza della città, l’esperienza viva del cammino diventa il pretesto per una tensione ineliminabile col reale.

Il progetto teatrale Tutti i giorni da martedì 14 a giovedì 23 giugno, partenza alle ore 17,30 da Porta San Pietro (incrocio Via Roma), durata del tragitto 3 ore e mezza (si consiglia di indossare scarpe comode). Partecipazione per un massimo di 15 spettatori al giorno, si raccomanda la prenotazione al costo di 15 euro biglietto completo e 8 euro ridotto, acquistabile al botteghino del teatro Morlacchi. Dom – è scritto nella nota del teatro Stabile dell’Umbria- è un progetto di Leonardo Delogu e Valerio Sirna, in collaborazione con Hélène Gautier, Mael Veisse e Francesca Mautone, che indaga la relazione tra corpo e paesaggio, e si impegna nella trasmissione di peculiari pratiche di abitazione, in particolare legate al corpo, allo spazio e al tempo della creazione artistica. Dom- costruisce e facilita processi di autorganizzazione, accompagna pratiche di abitazione che si traducono e distillano in eventi performativi, seminari, scritti, realizzazione di giardini, esplorazioni urbane e camminate di varia durata, installazioni, reportage fotografici, interventi di street-art.

Con Leonardo Delogu Lavora come ricercatore sul movimento e il paesaggio, è performer e formatore. Nasce a Narni, in Umbria, nel 1981. Inizia gli studi di teatro nel 2002 con la Scuola Europea per lʼattore, realizzata dalla fondazione Emilia Romagna teatro per la direzione artistica di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri del teatro Valdoca. Dopo la scuola entra nella compagnia e partecipa alla maggioranza dei lavori prodotti fino ad oggi. Dal febbraio 2009 a giugno 2010 fa parte del biennio ‘Nuove scritture per la danza contemporanea’ diretto da Raffaella Giordano. Questa esperienza è alla base della fondazione, insieme ad altri 11 artisti, di Famiglia Fuchè. Prosegue lo studio sul movimento con la compagnia di danza catalana Malpelo e con Claude Coldy, con il quale intraprende la formazione triennale in danza sensibile. Nel 2009 comincia un personale percorso di ricerca con il progetto Tabula rasa – Tu sei dunque venuto in questa casa per distruggere. Nel 2012 inaugura una nuova fase di lavoro con i percorsi formativi Camminare nella frana e Piccola scuola nomade che confluiranno nel progetto King, sostenuto da Armunia e Santarcangelo, Festival del teatro in piazza. Nel 2014, insieme a Valerio Sirna, dà vita al progetto Dom-. Ha collaborato con il collettivo Strasse, il collettivo CoLoCo, e il paesaggista francese Gilles Clement.

Valerio Sirna Inizia a studiare teatro nel 2004. Si avvicina al teatro di ricerca nel 2009, lavorando in qualità di performer con Teatro Valdoca, Giorgio Rossi, ricci/forte, Muta Imago, Strasse. Nel 2011/12 frequenta il biennio di formazione Scritture per la Danza Contemporanea, diretto da Raffaella Giordano. Sta seguendo un percorso di formazione triennale, diretto da Claude Coldy, in Danza Sensibile. A partire dal 2011 segue seminari e cicli di studio guidati da Daria Deflorian, collabora con la compagnia Deflorian / Tagliarini, di cui è assistente e performer nel 2015 per il progetto Quando non so cosa fare cosa faccio?, è training coach all’interno di vari laboratori guidati da Daria Deflorian. È membro del collettivo Il Signor Agostino Bontà, nato dal gruppo di studio diretto da Raffaella Giordano. Nel 2014, dopo aver partecipato al progetto King, insieme a Leonardo Delogu, dà vita al progetto DOM-. È ideatore e curatore del progetto MAMMA ROMA, Esplorazioni urbane/Pratiche della percezione, prodotto, tra gli altri, dal Teatro di Roma. Studia la pratica zen attraverso l’insegnamento dei Maestri Kidoh Sugimoto (Fumonken, Kyoto), Taiten Guareschi (Fudenji).

Hélène Gautier  Danzatrice francese nata nel 1987, vive attualmente in Italia. Comincia a danzare con Richard Mégret. Si forma a Parigi, seguendo principalmente Nina Dipla, e, accanto, Nathalie Pubellier, Claude Brumachon e François Ben Aim per la danza, Ariane Lagneau per il clown. Dal 2010 al 2012 danza nella creazione Kyma di Nina Dipla. Nello stesso periodo realizza il trio Piccole Marquisakis con Francesca Saraullo e Mairi Pardalaki. Nel 2012 partecipa alla Piccola Scuola Nomade guidata da Leonardo Delogu e nel 2013 raggiunge il gruppo di lavoro per il progetto King. Proseguendo con loro, nel 2015, partecipa alla creazione Nella casa c’è un pino che brucia dentro, progetto evoluto poi in Dom-. Parallelamente, continua a studiare con Elsa Wolliaston e Nacera Belaza. Nell’ estate 2015, entra a far parte del progetto RiAbitare il futuro in Abruzzo di Francesca Saraullo e Gisella Fantacuzzi.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250