martedì 28 marzo - Aggiornato alle 08:08

Perugia, Casaioli sulla mobilità notturna: «Prima del divertimento abbiamo garantito l’essenziale»

L’intervento dell’assessore in risposta alle critiche dei consiglieri del Partito democratico: «Regione aumenti i fondi»

Cristiana casaioli perugia mobilità
Cristiana Casaioli

di Cristiana Casaioli*

Con riferimento alle ultime novità sui servizi di mobilità notturna, che sarà inaugurato il prossimo 7 aprile e di collegamento per gli studenti tra il polo didattico di Monteluce e la mensa di via XIV settembre, inaugurato lo scorso 15 marzo, dopo le dichiarazioni del consigliere comunale Bori e della consigliera regionale Casciari vorrei dire che si tratta di provocazioni del tutto strumentali e infondate. Sono anni, infatti, che come amministrazione comunale chiediamo alla Regione dell’Umbria un incremento del contributo per il trasporto pubblico locale, a valere sull’apposito fondo. La Regione dell’Umbria al momento finanzia solo il 60 per cento del trasporto di Perugia, quando la media degli altri comuni è dell’85 per cento e alcuni addirittura vengono coperti integralmente dai fondi regionali. È paradossale che il bacino dove si concentra l’utenza dell’intera regione, dove si trovano due università, dove si trovano le sedi più importanti degli enti territoriali umbri, riceva trattamenti sfavorevoli ed incapaci di garantire un livello adeguato dei servizi. In questa situazione è evidente che il Comune di Perugia, con i pochi fondi che ha a disposizione, debba garantire in primis i servizi essenziali casa-lavoro e casa-studio, cosa che stiamo facendo con uno sforzo enorme per il nostro bilancio. Abbiamo la responsabilità del buon padre di famiglia, che, in periodi di ristrettezze, sicuramente pensa a garantire ai figli il lavoro e lo studio prima del divertimento notturno.

MOBILITÀ NOTTURNA E NAVETTA MENSA: FERMATE E ORARI
FOTOGALLERY: LA NUOVA NAVETTA MENSA

Mai stati contrari Non siamo mai stati contrari alla mobilità notturna, anzi, ne abbiamo sempre riconosciuto il valore, strettamente associato con il ruolo di Perugia come città universitaria ma abbiamo un limite economico-finanziario che non ci permette di impegnare fondi per ulteriori servizi. Abbiamo sempre garantito la nostra disponibilità a organizzare e gestire il servizio se la Regione avesse svolto il suo ruolo di ente finanziatore, ruolo che tra l’altro le spetta per legge. Tra l’altro, ricordo bene i primi incontri in cui lo stesso assessorato regionale aveva rifiutato di impegnarsi su questa operazione. Non appena sono state rese disponibili le risorse, sotto la legittima pressione di studenti ed enti accademici, l’amministrazione comunale ha subito istituito la linea, a testimonianza del fatto che anche per noi è un servizio importante. Tra l’altro, speriamo che il tema dei fondi per la mobilità studentesca non si esauriscano in questa piccola sperimentazione, ma che vengano reperiti in via strutturale, per garantire ai 20 mila studenti universitari ed a tutta l’utenza giovanile del capoluogo, residenti ed utilizzatori della città, un servizio di trasporto pubblico costantemente all’altezza delle loro aspettative.

RIVOLUZIONE ZTL IN CENTRO STORICO: LE NOVITÀ

Navetta essenziale Essenziale, invece, riteniamo che sia il servizio shuttle tra il polo didattico di Monteluce e la mensa di via XIV Settembre perché si tratta di garantire agli universitari un servizio necessario al miglioramento della loro quotidianità e dell’offerta stessa della città agli studenti. Per questo, abbiamo fatto un grande sforzo e messo a disposizione le risorse, considerandolo un ulteriore passo verso una città davvero a misura di studente. È chiaro che, se finalmente i fondi regionali venissero ripartiti in via equa, vi sarebbero le risorse per offrire il servizio di trasporto che tutti i cittadini si aspettano. Paradossalmente la stessa Regione ha correttamente individuato all’interno del Piano regionale dei trasporti la necessità di rivedere la ripartizione del Fondo e ha definito i nuovi criteri di ripartizione, ma non si riesce ancora a trovare la strada per darne effettiva applicazione.