sabato 24 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:55
23 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 23:07

Omicidio di Cenerente, in manette la basista Marjana Perdoda: sconterà 4 anni

La squadra mobile della polizia ha catturato la donna nella sua casa di Perugia dopo la condanna in Cassazione

Omicidio di Cenerente, in manette la basista Marjana Perdoda: sconterà 4 anni
Al centro il capo della mobile Marco Chiacchiera (Foto F.Troccoli)

Ha svolto il ruolo chiave di “basista” in uno dei delitti più efferati avvenuti negli ultimi anni a Perugia, quello consumato all’interno del casolare di Cenerente. Durante la notte tra il 5 e il 6 aprile 2012 lì persero la vita l’orafo Sergio Scoscia e l’anziana madre Maria Raffaelli per mano di una banda di giovani albanesi, catturati e condannati in via definitiva. Ora per Marjana Perdoda si sono aperte le porte del carcere.

In manette Dopo la sentenza della Corte di Cassazione, nei giorni scorsi gli uomini della squadra mobile hanno rintracciato Perdoda nella sua abitazione perugina e le hanno notificato il provvedimento emesso dalla Procura generale presso la Corte di appello, e la hanno trasferita a Capanne. La donna, albanese residente a Perugia, svolgeva l’attività di prostituta e aveva conosciuto Sergio Scoscia, fungendo poi da anello di congiunzione tra le vittime e i loro carnefici.

Condannata a 4 anni Le indagini della Mobile, anche con l’ausilio di personale del compartimento polizia postale di Perugia e del Servizio centrale operativo, proprio seguendo lei consentirono di individuare e catturare i 3 albanesi, tutti oggi condannati in via definitiva (2 all’ergastolo e uno, il “palo” del gruppo, a 20 anni di reclusione), e di accertare come la Perdoda avesse un ruolo preminente nell’organizzazione e nella pianificazione del colpo, scegliendo le vittime. La donna è stata condannata alla pena della reclusione per 4 anni, alla multa di 800 euro e alla sanzione accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni .

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250