sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 12:22
11 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:51

Ogni giorno in Umbria numero di visite ed esami pari agli abitanti di Spoleto. Come prenotare online

In tutto sono oltre 38 mila, 14,2 milioni nel 2015: aumento di 300 mila rispetto all'anno precedente. Scesa la percentuale di quelli che prenotano e poi non si presentano

Ogni giorno in Umbria numero di visite ed esami pari agli abitanti di Spoleto. Come prenotare online

di Daniele Bovi

Oltre 38 mila. Ogni giorno in Umbria a un numero di persone pari a quello degli abitanti dell’intera Spoleto il sistema sanitario regionale eroga una prestazione. Ipotizzando un singolo esame o una sola visita per ogni persona è questo il numero che si ricava dai dati forniti martedì dalla giunta regionale, che nelle scorse ore ha approvato l’aggiornamento del piano (datato estate 2014) volto a un ulteriore abbattimento delle liste di attesa. I numeri parlano di volumi in aumento negli ultimi due anni: 13,9 milioni di prestazioni nel 2014 e 14,2 nel 2015. Per la grandissima parte si tratta di esami di laboratorio (come per esempio quelli del sangue e delle urine), in tutto 10,950 milioni nel 2014 e 11,072 un anno dopo.

LISTE D’ATTESA: IL PIANO

I numeri A nettissima distanza c’è tutto il settore della diagnostica per immagini (661 mila nel 2014 e 711 mila un anno dopo), le visite (1,038 milioni due anni fa e 1,121 milioni nel 2015) e tutta la restante specialistica, che è passata dagli 1,275 milioni di prestazioni del 2014 agli 1,302 del 2015. Per quanto riguarda le liste di attesa, al momento per quegli esami che, a seconda dell’urgenza, vanno fatti al massimo entro 3, 10 o 30 giorni, i tempi sono rispettati nel 95 per cento dei casi; il che significa, stando ai dati di palazzo Donini, un più 35 per cento rispetto al 2014. Quanto a coloro che prenotano una visita o un esame per poi non presentarsi, il sistema telefonico automatico che chiama gli utenti alcuni giorni prima dell’appuntamento chiedendo di confermarlo o annullarlo, sembra funzionare: la percentuale di quelli che non si presentano è passata dal 10 per cento del 2014 all’1,5 per cento del 2015; una soglia sostanzialmente fisiologica.

Online Novità per gli utenti (oltre alla app per prenotazioni e pagamenti che arriverà tra qualche mese) ci saranno a partire dal prossimo 16 maggio, quando tutte le prestazioni, e non solo alcune come succede ora, potranno essere prenotate e, da luglio, pagate online. Il metodo è abbastanza semplice: in primis bisogna accedere al sito www.cupumbria.it e identificarsi. Fino a quando non verrà introdotto in Umbria (a breve) il sistema Spid, ovvero la chiave unica per tutti i servizi della Pubblica amministrazione, bisognerà fornire il codice fiscale e la password (per chi non ce l’ha è possibile richiederla attraverso la sezione «crea il tuo account»). Un’altra possibilità per accedere, se l’utente è in possesso del lettore di smart card, è quella di usare la carta d’identità elettronica o la carta nazionale dei servizi. Una volta dentro si inserisce il codice Nre che si trova sulla ricetta elettronica fatta dal medico e poi vedere, in base alla prestazione, quale sede e quale orario sono disponibili. Per quanto riguarda il pagamento, si può fare sul sito www.postesalute.it: i clienti di Poste possono addebitare il costo sul proprio conto corrente BancoPosta mentre gli altri possono pagare con le principali carte di credito e di debito.

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250