venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 18:52
14 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:45

Nuova sfida record per Alessio Campirani: lunga percorrenza in barca a vela con disabile

L'appuntamento è programmato per il prossimo agosto dalla riviera Adriatica

Nuova sfida record per Alessio Campirani: lunga percorrenza in barca a vela con disabile

di B.M.

Nuova sfida per il velista tifernate dei record Alessio Campriani. Ad agosto partirà dalla riviera Adriatica per un’impresa a tutt’oggi mai tentata: il record di lunga percorrenza in barca a vela con a bordo un disabile.

Nuova impresa «Dopo aver doppiato Capo Horn nel 2011, aver attraversato l’Antartide nel 2012 e poi nel 2013 con lo skipper mondiale Vittorio Malindi, proveremo a lanciare una sfida inedita, che unisce valore tecnico a significato sociale – ha spiegato Campriani – Insieme a Danilo Malerba, non vedente e referente del progetto Homerus, salperemo cercando di rimanere in mare il più lungo possibile e stabilendo per la prima volta un record in questo tipo di navigazione su una barca da spiaggia, attrezzata specificatamente per i disabili dagli studenti degli istituti superiori di Città di Castello, Sansepolcro e Umbertide».

Partenza Simbolo dell’impresa la barca da spiaggia Pinki 1, che sabato 13 maggio, campeggiava in piazza Matteotti in occasione della presentazione ufficiale dell’iniziativa. «In realtà il Circolo velico Centro Italia è da tempo impegnato nel diffondere la disciplina della vela a vari livelli: tra i giovani delle scuole con un progetto specifico e con corsi pensati per i disabili in collaborazione con il Comune e la cooperativa La Rondine – ha precisato Campriani – Abbiamo intenzione di partire ad agosto da una località della costa adriatica, ancora da definire con certezza. Rimini o Porto Verde sono per ora le mete che valutiamo. Mi imbarcherò con Danilo Malerba lungo un itinerario che sarà indicato solo dal vento e andremo avanti, da soli, fino a quando ci saranno le condizioni».

Barca adattata «Possiamo contare su un mezzo ripensato alla luce delle esigenze di Danilo, grazie all’impegno delle scuole per dotarla di tutto quanto necessario: del pannello fotovoltaico per l’elettricità, delle modifiche dei comandi, fino alla bussola, si sono occupati i ragazzi del polo professionale, mentre i ragazzi del liceo classico di Città di Castello hanno elaborato le rotte. Altri contributi sono stati dati dagli studenti del polo tecnico, dal polo di Umbertide e di Sansepolcro – ha concluso Campriani».
L’amore per a vela Danilo Malerba ha scoperto la vela nel 2011, grazie ad un amante di questo sport che – come ha raccontato durante la presentazione – per caso si è accorto di come fosse possibile navigare anche ad occhi chiusi, lasciandosi guidare dal vento. «Ho provato e da questa esperienza è nato il progetto Homerus, di cui sono referente, che promuove la cultura e la didattica della vela tra i disabili». Il record di lunga percorrenza con disabile a bordo in barca a vela è stato sostenuto dal Comune, dall’assemblea legislativa della Regione Umbria, dall’Università di Perugia.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250