sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 00:00
18 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:35

Nubifragio a Perugia, danni per oltre 15 milioni: Regione chiede ‘stato di emergenza’

Palazzo Donini pronto a rivolgersi alla Presidenza del Consiglio. Coinvolti anche Assisi, Bevagna, Citerna, Corciano, Gubbio e Valfabbrica

Nubifragio a Perugia, danni per oltre 15 milioni: Regione chiede ‘stato di emergenza’

Sono stati calcolati in oltre 15 milioni 600 mila euro, di cui 2 milioni 500 mila in ambito privato e alle attività produttive, i danni causati dal nubifragio dello scorso 12 giugno. Alla luce di questo, la Regione Umbria chiederà alla Presidenza del Consiglio dei ministri l’attivazione dello ‘Stato di emergenza per gli eventi metereologici’.

TUTTO SUL NUBIFRAGIO

Stato di emergenza Quello che travolse, durante una domenica pomeriggio, una fetta della provincia di Perugia, fu un «evento alluvionale eccezionale e di particolare intensità» è stato evidenziato nel corso della riunione di Giunta regionale che, su proposta della presidente della Regione, Catiuscia Marini, ha proposto la richiesta dello ‘stato di emergenza’. Il maltempo ha «determinato notevoli criticità» che hanno causato, secondo la stima effettuata dagli uffici preposti, danni ingenti. In particolare «le somme si rendono necessarie per pronti interventi, per la messa in sicurezza di infrastrutture e beni culturali, per somme urgenze ed altri interventi  effettuati per garantire la pubblica incolumità ed il ripristino di infrastrutture a rete indispensabili e della viabilità.

Comuni coinvolti Le segnalazioni di danni sono pervenute dai Comuni di Perugia, Assisi, Bevagna, Citerna, Corciano, Gubbio e Valfabbrica, da Umbra Acque, da ex Provincia di Perugia (Area Difesa Idraulica, ora passata alla Regione) per le opere idrauliche e gli interventi sul reticolo idrografico regionale, dalla Provincia di Perugia (Area viabilità) relativamente alla viabilità provinciale.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250