sabato 22 settembre - Aggiornato alle 20:45

‘Visioni’, Young Jazz presenta il rivoluzionario ‘The tribe’: film recitato con la lingua dei segni

Quinto appuntamento della rassegna, tra musica e cinema: allo spazio Zut la proiezione in collaborazione con il Festival per le città accessibili

The tribe, la locandina

di D.N.

Un film nella lingua dei segni e senza sottotitoli, perché l’amore e l’odio non hanno bisogno di traduzione. È una esperienza cinematografica senza precedenti il film ‘The tribe’ che la rassegna ‘Visioni’ targata Young Jazz (concerti e film in jazz per avvicinare i linguaggi della musica e del cinema) propone come quinto appuntamento. Domenica 15 aprile (ore 17.30) allo Zut di Foligno spazio ancora ai film con la proiezione della pellicola di Myroslav Slaboshpytskiy (Ucraina – Paesi Bassi 2014, 130’), film che sarà proiettato in collaborazione con il Festival per le Città Accessibili.

GUARDA IL TRAILER

Attenzione al sociale Dopo il concerto ‘Alteraccessibile’ del 2017, con la musica che è stata fruibile anche per i non vedenti e non udenti, continua la collaborazione di Young Jazz con il Festival e l’attenzione al tema della diversità: il film ‘The Tribe’ infatti è recitato solamente attraverso il linguaggio dei segni. Slaboshpytskiy non concede alcun aiuto o scorciatoia, costringendo il suo pubblico a sfidare i limiti delle proprie convenzioni. Problematizza, in buona sostanza, il ruolo della spettatore, arrivando all’affermazione di un paradosso: in un contesto simile, chi è il vero disabile?

Film rivoluzionario Il primo lungometraggio di Slaboshpytskiy appartiene alla categoria dei film destinati a rimanere impressi nella memoria dello spettatore sia per quello che raccontano che per lo stile adottato. Il regista afferma: “È un mio vecchio sogno quello di rendere omaggio al cinema muto. Fare un film che possa essere compreso senza che venga detta una parola. Non pensavo però a un certo tipo di cinema europeo ‘esistenzialista’ in cui gli eroi stanno zitti per metà della durata del film. Anche perché gli attori non erano muti nei film muti. Comunicavano molto attivamente attraverso un’ampia gamma di azioni e di linguaggio corporeo”. Da qui nasce l’esigenza di una ‘reale’ impossibilità di comunicare con le parole su cui si innesta la decisione di non proporre sottotitoli neppure per tradurre l’alfabeto muto che viene utilizzato dai protagonisti. Non è un film sui non udenti questo, quanto piuttosto un lungometraggio in cui il non utilizzare parole dette fa sì che lo spettatore divenga a sua volta attivo. A lui viene offerta una colonna sonora in cui rumori e suoni giocano un ruolo fondamentale.

Prossimi appuntamenti La rassegna ‘Visioni’, che include come sempre concerti ma anche film (la scelta è curata in collaborazione con il cineclub Astr/azioni) si svolge all’interno dello Spazio Zut, un luogo caro a Young Jazz ma anche un punto di riferimento per gli eventi culturali di Foligno e non solo. Young Jazz è da sempre una associazione che fa vivere i luoghi della città anche attraverso le collaborazioni: e questa volta l’iniziativa sarà realizzata proprio in sinergia con lo Zut. Collaborazioni che, in occasione di ‘Visioni’, non si fermano solo allo Zut e ad Astr/azioni ma che coinvolgono anche il Festival per le Città Accessibili, L’Altra Mente Festival e l’International Jazz Day. Questi i prossimi appuntamenti, tutti e due concerti questa volta: lunedì 30 aprile (International Jazz Day) / concerto / ore 21,30 Pasquale Mirra e Stefano Ricci con ‘Onde bianche’, in collaborazione con la rassegna ‘Re: Play’; Giovedì 24 maggio / concerto / ore 21,30 Giovanni Guidi ‘Salida’, in collaborazione con L’Altra Mente Festival. A cura dello Spazio Zut, sarà possibile anche cenare prima dei concerti o fare l’aperitivo dopo i film. Durante tutti gli eventi della rassegna sarà aperto il tesseramento 2018 Young Jazz e sarà possibile acquistare i prodotti del merchandising. Biglietti e cene: concerto 8 €, film 5 €. A cura dello Spazio ZUT! sarà: la cena prima dei concerti – ore 20 / 13 €; l’aperitivo dopo i film / 5 €. Per info: www.youngjazz.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.