Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 settembre - Aggiornato alle 01:40

Tradizione e spirito di squadra, risplende un’epoca: è tempo dell’Agosto Stronconese

Quarantennale della manifestazione storica nel borgo Ternano: spettacoli, musica e gastronomia Tutti gli eventi

Una tradizione che ripercorre i passi della vita del patrono di Stroncone, il Beato Antonio Vici, e i fasti dell’epoca Napoleonica. Risplende un’epoca con l’Agosto Stronconese, giunto alla quarantesima edizione. Appuntamento dal 18 al 28 agosto con la manifestazione storica nel borgo Ternano che unisce tradizione, cultura e gastronomia. Undici serate, organizzate dall’associazione Ente Agosto Stronconese, in cui si alterneranno spettacoli musicali, folcloristici,
intrattenimento per bambini, mostre ed esposizioni, il tutto accompagnato dalla consueta Locanda dei Briganti e stand gastronomici. «Sono quasi trenta anni che partecipo alla manifestazione e posso dire che la festa di agosto rappresenta la vera forza di noi Stronconesi – prosegue Valeriano Vittori -. La nostra ricchezza è la partecipazione, lo spirito di squadra e la collaborazione tra le contrade. Quest’anno, dopo un’edizione ridimensionata dalle misure anti-Covid, siamo pronti a ripartire più carichi che mai».

Agosto Stronconese 2022 La kermesse, rientrante tra le manifestazioni storiche della Regione Umbria e patrocinata dal Comune di Stroncone, è giunta alla sua quarantesima edizione. «Ci attende quest’anno un appuntamento importante dell’Agosto Stronconese– dichiara l’Assessore alla Cultura del Comune di Stroncone, Annalisa Spezzi -. Riprenderanno gli spettacoli dal vivo, gli stand enogastronomici, le attività culturali nella loro pienezza. Nel corso degli anni, l’Ente Agosto Stronconese, con i suoi volontari ed in collaborazione con il Comune di Stroncone ed i frati del Convento di San Francesco, ha dato vita ad un evento che ci consente di rivivere importanti avvenimenti del nostro passato, mantenendo viva una tradizione ormai consolidata tra la popolazione Stronconese. Una tradizione che unisce diverse generazioni, in una rievocazione storica che vede nella figura e nella vita del Beato Antonio Vici un prezioso punto di riferimento e devozione per l’intera comunità». Attesi in paese numerosi turisti e visitatori che potranno visitare le vie del borgo medioevale e gustare piatti tipici della tradizione e non solo alla Locanda dei Briganti aperta tutti i giorni dalle 19.30 su prenotazione (per info e prenotazioni 3714854237).

Programma religioso Diversi gli eventi inseriti nel cartellone religioso della manifestazione. Nei tre giorni precedenti la festa del Patrono, che cade il 21 agosto, ci sarà il triduo con l’affidamento dei bambini, degli anziani e degli sposi al Beato Antonio. Il giorno della festa invece, appuntamento alle ore 18 per la Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da Padre Pietro Messa della Pontificia Università Antonianum, seguita dalla processione religiosa con la statua del Beato Antonio accompagnata della Banda Musicale di Stroncone a.p.s.

Programma civile Sono undici i giorni di eventi di carattere storico-culturale per rivivere la storia del borgo Ternano e i sapori di un’epoca passata. In particolare giovedì 18 agosto alle 21.30 è in programma lo spettacolo della Compagnia de lo Grifone, tratto dal libro dello storico locale Luigi Lanzi, che narra dell’assedio da parte delle truppe napoleoniche al Comune di Stroncone nel febbraio del 1799. Venerdì 19 agosto, sempre alle 21.30, è la volta del Rescritto Imperiale, la rievocazione storica dei coinvolgenti avvenimenti che nel 1809, sotto la guida di Padre Angelico Coletti, portarono alla partenza di venti giovani stronconesi alla volta di Assisi, per riportare al paese natio il corpo incorrotto dell’amato e venerato Beato. Diversi gli appuntamenti con il Cambio della Guardia, la rievocazione storica che vede Tamburini e Guardie Civiche in costume d’epoca presidiare le mura del paese. Sabato 27 agosto, alle ore 21.30, invece è la volta del Corteo Storico, durante il quale decine e decine di figuranti, in abiti del 1809, rappresenteranno il ritorno di Padre Angelico Coletti e dei venti giovani stronconesi da Assisi con il corpo incorrotto del Beato Antonio Vici. A fare da cornice a due esclusive serate della manifestazione ci saranno il gruppo Sbandieratori di Assisi e San Gemini.

Contrade e storia La tradizione a Stroncone passa di generazione in generazione, di padre in figlio e ogni anno l’appuntamento con l’Agosto Stronconese coinvolge grandi e piccoli che vivono la loro storia attraverso le contrade Castello, Arco e Santa Lucia che insieme illuminano le vie del paese ed animano cittadini e turisti. Racconti di vita e di un passato che si riflette nel presente attraverso la storia del patrono di Stroncone. Antonio Vici nasce a Stroncone nel 1381, da Ludovico Vici e Isabella Martini. Sin da piccolo Antonio sente la chiamata alla vita religiosa e a dodici anni entra come fratello laico tra i frati minori dell’Osservanza. Dopo una breve permanenza nel convento di Stroncone passa a Fiesole, quindi nella Maremma Toscana, poi in Corsica per tornare infine in Umbria dove risiede tra l’altro a Perugia, a Bettona e all’eremo delle Carceri finché, ritiratosi in San Damiano, vi muore il 7 febbraio del 1461. Il 28 giugno del 1687 viene dichiarato ‘Beato’ da Papa Innocenzo XI. Nel 1809 (dal 24 al 27 agosto) le sue spoglie vengono traslate da Assisi a Stroncone, nella chiesa del convento di San Francesco, dove tuttora sono esposte incorrotte alla venerazione dei fedeli.

I commenti sono chiusi.