giovedì 14 novembre - Aggiornato alle 00:10

Torna Dancity festival, in versione invernale. Il primo nome è Michael Rother, ex Kraftwerk e Neu!

Dal 26 al 28 dicembre il festival «punta al centro»: tre giorni di eventi all’auditorium San Domenico di Foligno. Altri artisti internazionali in arrivo

Michael Rother

di Angela Giorgi

Un ritorno atteso ma in veste inedita, quello di Dancity Festival: la manifestazione di Foligno, che negli anni si è attestata come un punto di riferimento a livello nazionale – e non solo – nel panorama della musica elettronica contemporanea, ha annunciato date e location della nuova versione invernale. Il 26, 27 e 28 dicembre, auditorium San Domenico: queste le coordinate di Dancity Winter. Rivelato anche il primo nome di quello che si preannuncia un ricco programma di artisti internazionali: il concerto inaugurale del festival di giovedì 26 dicembre sarà affidato a Micahel Rother, storico fondatore di band cult come Kraftwerk, Neu! e Harmonia.

Michael Rother, in quarant’anni di sperimentazione, ha segnato l’evoluzione della musica elettronica, arrivando oltre i confini del genere con un curriculum musicale che pochi possono vantare. Ex membro dei Kraftwerk, è fondatore delle storiche band Neu! e Harmonia: con i primi, Rother inventa quello che sarà generalmente riconosciuto come marchio di fabbrica del krautrock, il reiterato e ostinato 4/4 di chitarra e batteria comunemente definito motorik, che conquista addirittura John Peel, fan della prima ora. Dal krautrock al minimalismo fino ai paesaggi sonori di Brian Eno – con il quale ha collaborato negli anni ‘70 -, Rother con la sua musica ha influenzato negli anni generazioni di artisti, da David Bowie a Iggy Pop, dagli Autechre ai Radiohead, solo per citarne alcuni. Chitarrista e polistrumentista, dal 2001 (anno della riedizione degli album dei Neu!) ha suonato in tutto il mondo e ha collaborato con diversi musicisti e band: tra gli altri, John Frusciante, Secret Machines, Benjamin Curtis di School of Seven Bells, Josh Klinghoffer, Red Hot Chili Peppers, FM Einheit (ex Einstürzende Neubauten), Mick Harvey, Beaches, Dieter Moebius, Boxed In, Paul Weller. Nel 2010 realizza il progetto live ‘Hallogallo 2010’ insieme a Steve Shelley (batterista dei Sonic Youth) e Aaron Mullan (bassista dei Tall Firs). L’anno successivo prosegue il suo tour in luoghi come Russia, Cina, Messico, Giappone e, al contempo, realizza colonne sonore per film come ‘The Robbers’ e ‘Houston’, diretto dal tedesco Bastian Günther e premiato al Sundance Film Festival. Tra le sue produzioni vanno ricordate le uscite per la Groenland Records, che nel 2015 pubblica la discografia completa degli Harmonia con il box-set ‘Complete Works’, e i lavori da solista con ‘Michael Rother – Solo’ (2017). Per Dancity Winter, Michael Rother porterà sul palco dell’auditorium S. Domenico il suo live con Hans Lampe alla batteria e Franz Bargmann alla chitarra, in un viaggio che ripercorrerà le sonorità dei gruppi da lui fondati accanto a quelle delle sue produzioni soliste. Una figura chiave della scena musicale elettronica, simbolo del periodo avanguardistico tedesco dei primi anni ‘70, che ancora oggi continua a diffondere il suo verbo.

I commenti sono chiusi.