domenica 22 settembre - Aggiornato alle 14:10

‘Soap operas’, le forme delle bolle di sapone nel cinema e nelle altre arti: incontro alla Galleria nazionale

Tra cinema, tv, videoclip, videoarte e installazioni contemporanee si chiude, con il prof. Moreno Barboni, il ciclo di conferenze in occasione della mostra ‘Bolle di sapone’

Thom Kubli, 'Black Hole Horizon'

di Dan. Nar.

Ultimo atto per il Ciclo di conferenze e incontri di approfondimento dedicati alle bolle di sapone, nella matematica, nell’arte e nel cinema. Serie di appuntamenti legati alla mostra ‘Bolle di Sapone. Forme dell’utopia tra vanitas arte e scienza’ in programma fino al 9 giugno alla Galleria nazionale dell’Umbria. ‘Si parla di bolle di sapone’ è una iniziativa cura di Michele Emmer (il curatore della mostra insieme al direttore della Galleria Pierini), Carla Scagliosi e Moreno Barboni. E sarà proprio quest’ultimo l’autore del prossimo incontro dal titolo ‘Soap operas, le forme delle bolle di sapone tra cinema, tv, videoclip, videoarte e installazioni contemporanee’. Mercoledì 22 maggio, alle ore 17.30, nella Sala didattica al 3° piano di Palazzo dei Priori.

Soap operas La molteplicità degli interessi suscitati dalle bolle e dalle lamine saponate nel corso della storia ha consentito di concepire una mostra articolata, in cui gli aspetti più prettamente legati alla ricerca scientifica si sono fusi e mescolati con le sperimentazioni avvenute in campo artistico ed espressivo. Proprio per dare ulteriore voce alla ricchezza delle opere in mostra e consentire un ulteriore approfondimento tematico, è stato ideato questo ciclo di incontri di approfondimento dedicati alla storia del successo multidisciplinare e trasversale delle bolle di sapone. E quello in programma mercoledì con il prof. Barboni è sicuramente tra i più suggestivi. Dalla vanitas all’albero della vita eterna, più di un secolo di bolle di sapone nel cinema e non solo: da Alberto Sordi imbonitore al regista costruttore di teoremi Aronofsky, dall’Olandesina Volante ad Ornella Vanoni nei caroselli e negli spot pubblicitari, dai trucchi di Méliès e di Velle per viaggiarci a quelli dell’artista Rivane Neuenschwander per farle durare e di Peter Gabriel per abitarle, dalle ‘bubble machines’ autocreative di Medalla, e la scultura che autoproduce bolle e schiume, all’installazione “Black Hole Horizon” del compositore elettronico tedesco Thom Kubli dove il suono diviene bolla di sapone tramite delle trombe acustiche da lui progettate.

Info La partecipazione è gratuita fino a esaurimento posti. Occorre passare in biglietteria e ritirare il tagliando gratuito per poter accedere alla conferenza. Info: 07558668436, [email protected]

Bolle e bollicine Giovedì 23 maggio, invece, alle ore 17.30 con ‘Bolle e bollicine’ è in programma il secondo appuntamento con l’itinerario guidato alla mostra “Bolle di Sapone”: a seguire una degustazione di Bollicine nostrane in collaborazione con cantina Scacciadiavoli e T-Trane Record Store. Per partecipare alle visite e degustazioni è necessaria la prenotazione, tel 0755721009 [email protected]; tel 07558668436 [email protected]

I commenti sono chiusi.