martedì 23 ottobre - Aggiornato alle 01:51

Scopri l’Umbria con un mistery: «Per i turisti-detective una modalità nuova per conoscere la regione»

Tour operator e giornalisti di settore saranno in Umbria, tra borghi e luoghi dalle tinte noir, per promuovere questa innovativa proposta turistica basata su una ‘detective story’

mistery tour
Gli attori della detective story

di Dan. Nar.

In risposta alla necessità di ideare e promuovere proposte innovative che contribuiscano a determinare in Umbria un’offerta turistica nuova ed attrattiva, l’Associazione Culturale Atto Secondo di Perugia propone per tre giorni (14/15/16 giugno) un innovativo Educational per tour operator e giornalisti di settore. Obiettivo, presentare il progetto ‘Scopri l’Umbria con un mystery’. La proposta ideata e realizzata dall’associazione perugina «intende mettere a disposizione dei turisti che vengono in Umbria una modalità del tutto nuova per conoscere borghi e luoghi di interesse della nostra regione» spiega Valentina Gianfranceschi in rappresentanza dell’associazione. Alla base del progetto vi è la scrittura di una ‘Detective Story’ che coinvolgerà i turisti, in maniera del tutto verosimile, in un avvincente mistero, portandoli a percorrere un itinerario (tutto da scoprire) in cerca di indizi e informazioni per risolverlo.

VIDEO TRAILER

Educational Nella tre giorni organizzata dall’Associazione Atto Secondo – grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e alla collaborazione di Sviluppumbria Spa, ENIT Londra e Coop Culture e con il patrocinio del Comune di Montone – l’esperienza sarà presentata e proposta a 20 operatori italiani, americani e inglesi, con l’obiettivo di contribuire all’incremento dell’afflusso turistico e della permanenza in Umbria, attraverso la creazione di pacchetti collegati al progetto.

Location noir L’evento si svolgerà fra Assisi, Umbertide e Montone e permetterà di far scoprire in maniera originale ed alternativa alcune delle location più belle e suggestive di queste zone, dando risalto in particolare ai luoghi più segreti e meno frequentati dal turismo di massa. Piccoli borghi, siti storici, musei, residenze d’epoca, cantine, botteghe artigiane diventeranno, in maniera leggera e divertente, le location di una storia dalle tinte noir e, come tali, nasconderanno in qualche modo testimonianze dei fatti accaduti, tracce del passaggio di personaggi misteriosi e indizi utili per ricostruire l’intera vicenda.

Turisti-detective Attraverso il coinvolgimento della compagnia teatrale dell’Associazione Atto Secondo, La Sarabanda Teatro specializzata in teatro interattivo, in ogni tappa le vicende e le circostanze in cui si troveranno coinvolti metteranno i Turisti/Detective in condizione di capire quale informazione dover cogliere, quale personaggio misterioso dover individuare, in quale luogo simbolo occorrerà recarsi per trovare un indizio importante. «In questo modo, anche grazie alla collaborazione con Coop Culture, la visita delle varie location – spiegano gli organizzatori – viene arricchita dalla curiosità di osservare i luoghi in un’ottica diversa e dallo stimolo di non limitarsi a guardare, ma di focalizzare l’attenzione su dettagli, particolari, elementi di pregio o di particolare valore storico/artistico/culturale». Raccogliendo un indizio in ognuna delle tappe, al termine dell’itinerario, i Turisti/Detective saranno invitati a ricostruire la soluzione dell’intrigante mistero, per aggiudicarsi la meritata ricompensa. L’esperienza non trascura i luoghi dove è possibile conoscere le tipicità enogastronomiche e dell’artigianato artistico: grazie al coinvolgimento e alla collaborazione di imprenditori locali, anche cantine, frantoi, aziende di produzione diventano luoghi dove occorre recarsi per cercare indizi ed informazioni utili.

Percorso formativo Dall’Educational in programma in questi giorni e dalla collaborazione con i Tour Operator ospiti dell’evento, gli organizzatori si aspettano che l’esperienza ‘Scopri l’Umbria con un mystery’ possa diventare «una nuova opportunità, basata su una formula ludico/culturale innovativa, originale e divertente, per la creazione di nuovi flussi turistici in Umbria». Nell’ambito del progetto finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, inoltre, l’Associazione Atto Secondo proporrà nel mese di luglio un percorso formativo per titolari di strutture ricettive, «affinché possano migliorare la propria visibilità sul web e favorire in tal modo l’attrazione di turisti attraverso i canali social». Il corso sarà gratuito per i partecipanti. Per formalizzare la propria iscrizione occorre inviare una mail a [email protected] entro e non oltre il 6 luglio 2018.

I commenti sono chiusi.