martedì 21 novembre - Aggiornato alle 03:39

Il Premio «Chopin» ospite degli Amici della Musica: Seong-Jin Cho sul palco del Morlacchi di Perugia

Debutta agli Amici della Musica di Perugia il giovane pianista coreano che nel 2015, a soli 21 anni, ha conquistato il premio internazionale più ambito fra i pianisti

il premio chopin Seong-Jin Cho in concerto per gli amici della musica di perugia
Seong-Jin Cho, vincitore del Premio Chopin

di Dan. Nar.

È il premio più ambito fra i pianisti e il più prestigioso fra quelli internazionali. È il Premio Chopin e conquistarlo a soli 21 anni non è cosa da tutti i giorni. Gli Amici della Musica di Perugia, con un concerto in programma giovedì 20 aprile alle ore 20.30 al Teatro Morlacchi, daranno così il benvenuto al giovane pianista coreano Seong-Jin Cho che nel 2015 ha ottenuto il Premio Chopin. Seong-Jin Cho aveva già conquistato la massima attenzione nel mondo musicale ancora prima della vittoria dell’ambito Premio, collaborando con direttori come Lorin Maazel, Myung-Whun Chung, Valery Gergiev, Mikhail Pletnev.

Programma concerto Il concerto di giovedì sera si aprirà dunque con una Sonata di Mozart, in fa maggiore K. 332, a cui seguiranno i due Libri di «Images» di Claude Debussy, pagine intense e poetiche, che ebbero grande importanza nella storia della musica del primo Novecento. La seconda parte del concerto sarà tutta dedicata alle Quattro Ballate di Chopin, pagine considerate caposaldo dell’intera letteratura pianistica, di respiro epico, a tratti liriche e a tratti di grande drammaticità.

Giovane carriera Seong-Jin Cho si è contraddistinto nel panorama musicale internazionale nell’ottobre del 2015, quando ha vinto il Primo Premio al Concorso Chopin di Varsavia. Quattro anni prima, a soli diciassette anni, si era classificato terzo al Premio Tchaikovsky di Mosca. Con il suo sconfinato talento e la sua naturale musicalità, Seong-Jin Cho sta intraprendendo una carriera in rapida ascesa e viene considerato uno degli artisti più interessanti della sua generazione. Nel gennaio 2016 ha firmato un contratto di esclusiva con l’etichetta discografica Deutsche Grammophon. Il primo disco nato da questa collaborazione è stato pubblicato nel novembre del 2016 e comprende il Primo Concerto e le Quattro Ballate di Chopin ed è stato realizzato insieme alla London Symphony Orchestra diretta da Gianandrea Noseda. Durante questa stagione è stato impegnato in recital di debutto nella Carnegie Hall, in occasione della serie Master Pianists del Royal Concertgebouw di Amsterdam, al Chamber Music San Francisco, alla Herkulessaal di Monaco, al KKL di Lucerna. Ha realizzato tournée in Asia con la Philharmonia Orchestra ed Esa-Pekka Salonen, con la Russian National Orchestra e Mikhail Pletnev in Europa e concerti con l’Orchestre de Paris alla Philharmonie di Parigi, con l’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia e Valery Gergiev, con la Liverpool Philharmonic Orchestra e Vassili Petrenko, con l’Orchestra Filarmonica di Tokyo e Myun-Whun Chung alla Suntory Hall. Con l’Orchestra Filarmonica di Varsavia diretta da Jacek Kaspszyk si è esibito in concerti negli Stati Uniti nell’autunno dell’anno scorso. Seong-Jin Cho si è esibito al fianco di alcune delle orchestre più prestigiose al mondo, tra cui l’Orchestra del Royal Concertgebouw, l’Orchestra Mariinsky, i Münchner Philharmoniker, l’Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino, l’Orchestra Filarmonica di Seoul, la Filarmonica Ceca, la Budapest Festival Orchestra, la Danish National Symphony Orchestra, la Russian National Orchestra, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la Sinfonica NHK di Tokyo, sotto la direzione di Myung-Whun Chung, Lorin Maazel, Marek Janowski, Mikhail Pletnev, Valery Gergiev e Vladimir Ashkenazy. Nato nel 1994 a Seoul, Seong-Jin Cho ha iniziato a studiare pianoforte all’età di sei anni e si è esibito in pubblico per la prima volta cinque anni dopo. Dal 2012 vive a Parigi. Dopo aver studiato con i professori Park e Soo Jung Shin a Seoul, ha proseguito gli studi con Michel Béroff al Conservatoire National Supérieur de Musique di Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *