Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 25 gennaio - Aggiornato alle 02:24

Dieci concerti da Terni a Guardea: torna l’Araba fenice con ‘Di note e di sogni’

Appuntamenti dal 13 novembre al 20 febbraio, oltre trenta ospiti: apre le danze il pianista Roberto Prosseda

La venticinquesima edizione della stagione dell’Araba fenice vedrà l’avvio il 13 novembre con ospite il celebre pianista Roberto Prosseda che eseguirà un concerto dedicato a Ennio Morricone. Dieci concerti tra Terni e Guardea fino al 20 febbraio, sul palco oltre trenta musicisti ospiti: ecco ‘Di note e di sogni’. Tutti gli spettacoli della kermesse avranno inizio alle ore 17.30, i biglietti per i concerti di Terni, potranno essere acquistati in prevendita attraverso tutte le rivendite di Vivaticket o al botteghino di palazzo Gazzoli il giorno stesso del concerto. Per i quattro appuntamenti di Guardea i ticket potranno essere acquistati direttamente in sala.

Di note e di sogni Prosseda è uno dei più amati e conosciuti pianisti e didatti italiani nel mondo, ed ebbe la fortuna di incontrare e conoscere il compositore che gli consegnò direttamente dalle sue mani il ‘Premio Petrassi’ nel
2010, Goffredo Petrassi che fu Maestro di Ennio Morricone. Roberto Prosseda che ha sempre Terni nel cuore, essendo stato uno dei premiati al concorso Casagrande, aprirà la 25esima stagione con una lezione concerto il 13 novembre a Guardea in sala consiliare e poi la domenica sempre alle 17.30 all’auditorium Gazzoli avrà luogo il recital pianistico con la particolarità di opere inedite scritte da Ennio Morricone per pianoforte. Un’autentica rarità musicale quella che proporrà il pianista al pubblico di Guardea e Terni, che andrà a svelare una poetica poco conosciuta di quell’incredibile compositore che fu Ennio Morricone. Molto numerosa durante la stagione sarà la partecipazione di pianiste e musiciste donne, a cominciare dal duo Chaminade composto da Caterina d’Amore al flauto e Antonella de Vinco al pianoforte che si esibiranno a Guardea il 27 novembre con un programma molto affascinante dal titolo ‘Habanera’ tratto dalla celebre Carmen di Georges Bizet. La domenica 28 novembre a Terni, invece di scena al Gazzoli un grande omaggio ad Astor Piazzolla in occasione dei cento anni dalla nascita del creatore del Nuevo Tango, con alla fisarmonica Massimo Signori e al pianoforte Alessandra Dezzi; il concerto sarà titolato: ‘Astor Piazzolla il rivoluzionario’. A distanza di due settimane, il sabato 11 dicembre di scena le danze sul pianoforte a quattro mani con ospiti due pianisti di origini campane: Helga Pisapia e Rosangela Flotta con un bel programma dedicato alle danze e di Valzer di Brahms, di Moszkowski le danze spagnole e ovviamente un piccolo ricordo con
Piazzolla e il suo Historie du Tango. Diversamente a Terni, la domenica 12 dicembre sempre al Gazzoli in scena sul palcoscenico, il pianista solista dall’esperienza vasta ed internazionale, Paolo Francese con un recital dal titolo ‘Al chiaro di Luna’. Prima della fine del 2021, a Guardea vicino al natale, sarà ospite la direttrice artistica dell’Araba fenice, la pianista Moira Michelini, un’artista che ha alle spalle oltre 800 concerti in tutto il mondo, con un recital,
sabato 19 dicembre, dal titolo ‘Anima’.

Spettacoli di inizio anno Avvio del 2022 con un grande omaggio a Mozart, con l’esecuzione del concerto per pianoforte e orchestra n.12 K414 e la Serenata K525 Eine Kleine Nachtmusik. L’orchestra ospite sarà quella dei ‘Talenti d’arte’, composta da musicisti del nostro territorio e diretta dal pianista e compositore Emanuele Stracchi, che faranno da accompagnamento al celebre pianista Roberto Issoglio. Il concerto si terrà all’auditorium
Gazzoli di Terni domenica 16 gennaio 2022. Altro straordinario appuntamento quello del 30 gennaio dove avremo la pianista toscana Sandra Landini che, accompagnata dal quartetto partenopeo ‘Hadimova’, al Gazzoli, eseguirà il concerto n.1 opera 11 di Chopin per pianoforte e orchestra nella versione originale in Quintour, e poi il quartetto Hadimova proporrà una originale composizione di Haydn denominata ‘The Joke’,  per via del suo singolare finale a sorpresa. Chiusa della stagione con ospite uno dei più importanti flautisti Italiani. Stefano Maffizzoni di Mantova che insieme al pianista parmense Palmiro Simonini eseguiranno sul palco del Gazzoli, domenica 20 febbraio un concerto tutto dedicato alle colonne sonore del grande Ciname di Nino Rota e Morricone, insieme a famosi brani d’opera di Verdi, Mascagni e Bizet.

I commenti sono chiusi.