Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 17 settembre - Aggiornato alle 20:41

Moon in june va anche ‘in tour’: dall’Isola Maggiore a Castiglione, Gubbio e anche Perugia

Per il festival, dopo La Rappresentante di Lista e Iosonouncane, prevista anche la serata ‘Moon in folk’. Mentre al Frontone, in conclusione del tour, ci sarà Frida Bollani

La rappresentante di lista

Molto ricca e suggestiva è la stagione di eventi per l’estate 2021 targata Moon in june. Con la serata del 21 agosto intitolata ‘Moon in folk’ si completa il cartellone del festival ‘Moon in june’ che torna quindi con musica al tramonto all’Isola Maggiore (20-22 agosto). Una giornata, quella di sabato 21 agosto, con tanti musicisti protagonisti che vedrà la musica folk incontrare il pop e l’elettronica: Massimo Zamboni, Lucilla Galeazzi, Sinfonico Honolulu, Unfolk Project, Trio D’Alessandro.

Concerti da non perdere Per le altre serate, come già annunciato, sono attese due grandi realtà della nuova scena musicale italiana come La rappresentante di lista (venerdì 20 agosto) e Iosonouncane (domenica 22 agosto). Per LRDL sarà l’occasione di tornare a suonare dal vivo full band: la formazione prevede, oltre alla cantante Veronica Lucchesi e al polistrumentista Dario Mangiaracina (piano, chitarra, basso e cori), Marta Cannuscio (flauto, percussioni elettroniche e cori), Enrico Lupi (tastiere e tromba), Erika Lucchesi (sassofono, chitarra elettrica e acustica, percussioni e cori) e Roberto Calabrese (batteria). Con Iosonouncane sul palco invece Bruno Germano (co-produttore dei suoi lavori) e Amedeo Perri. L’opening act all’Isola Maggiore sarà di Vieri Cervelli Montel, altra realtà musicale da seguire attentamente.

Isola e non solo «La rassegna con musica al tramonto – ha affermato la presidente dell’associazione e direttrice artistica di Moon in june Patrizia Marcagnani, che ha ringraziato Brunello Cucinelli per la concessione dell’uso dello spazio per i concerti – si svolgerà quindi nella sua sede ideale nel cuore del Lago Trasimeno, l’Isola Maggiore. Lo scorso anno, per le note vicende legate al Covid, la rassegna si è tenuta al Campo del Sole di Tuoro con una edizione rivista e riprogettata. Ma quest’anno si torna all’origine e al format che ha reso l’evento unico, con le note che risuoneranno davanti alle acque del ‘mare dell’Umbria’». Ma non solo. Moon in june diventa anche ‘Moon in tour’, una serie di concerti spalmati per tutta l’estate in altre location dell’Umbria con artisti come Vinicio Capossela, Ramberto Ciammarughi e Eugenio Allegri a Castiglione del Lago, Extraliscio a Gubbio e Frida Bollani a Perugia. Festival e “tour” sono organizzati con il sostegno della Regione Umbria, dei Comuni di Tuoro, Castiglione del Lago, Gubbio e Perugia, e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Conferenza di presentazione di Moon in june 2021

Presentazione Giovedì 22 luglio alla conferenza stampa di presentazione del cartellone, che si è tenuta a Perugia nel Salone d’Onore di palazzo Donini (Regione Umbria), è intervenuta anche la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei: «Un progetto che va oltre i grandi artisti in programma anche grazie ai paesaggi unici scelti per questo rinnovato format di Moon in june. Per questo motivo la Regione ha voluto sostenere il progetto, che torna anche nella bellissima Isola Maggiore, così come lo fa con altre iniziative ed eventi giusti per le location che vengono scelte, anche per dare una mano a sindaci e territori in un momento di ripartenza». «Moon in june all’Isola Maggiore – ha poi commentato il sindaco di Tuoro Maria Elena Minciaroni – è una storia che continua e l’evento di quest’anno è simbolo di speranza e di una cultura che vuole continuare convivendo anche con la pandemia». «Castiglione del Lago – ha poi aggiunto il sindaco Matteo Burico – è onorato di impreziosire il suo cartellone estivo di eventi con la due giorni alla Rocca. L’obiettivo è portare valore al territorio non con eventi spot ma con qualcosa di strutturato, così come è la collaborazione con Moon in june che è partita lo scorso anno. Alzando la qualità degli eventi vogliamo così rivolgersi ad un turismo di qualità perché come Trasimeno in generale possiamo essere uno dei motori della ripartenza dell’Umbria».

Moon in tour Il festival Moon in june di musica e performance artistiche al tramonto torna quindi quest’anno all’Isola Maggiore (20-22 agosto 2021). Ma l’omonima associazione organizzatrice arricchisce il suo programma estivo anche in altre location grazie a ‘Moon in tour’. Sempre al Trasimemo, anche la due giorni dedicata a Dante e San Francesco dal titolo ‘Lacustica’ alla Rocca di Castiglione del Lago (27 e 28 luglio, ore 21): Vinicio Capossela in un “concerto dantesco” e il giorno successivo Ramberto Ciammarughi (piano) ed Eugenio Allegri (voce recitante) con una serata dedicata alle laudi di San Francesco. Il Teatro Romano di Gubbio invece ospiterà gli Extraliscio, in concerto il 19 agosto (ore 21): è questo l’altro suggestivo spazio della stagione targata Moon in June. Gran finale poi il 9 settembre (ore 21) con Frida Bollani (figlia di Stefano Bollani di recente sotto i riflettori grazie alla sua straordinaria voce) ai giardini del Frontone di Perugia. Insieme a lei, ad accompagnarla, due grandi musicisti come Giovanni Ceccarelli e Ferruccio Spinetti. Prevendite dei concerti attive su boxol.it.

Moon in folk Moon in Folk (sabato 21 agosto, dalle ore 18) sarà una giornata dedicata alla tradizione folklorica. Uno straordinario mix di voci, suoni, memorie e sapori antichi. E’ questo il senso del progetto realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia: l’energia ritrovata della danza e del canto in una riproposta moderna che ha saputo mantenere lo spirito, le vocalità, le prassi esecutive tradizionali. Ma La novità del progetto è l’incontro della tradizione locale con la musica elettronica: un evento che, per certi versi, potrebbe essere paragonato a quello della Notte della Taranta, con la differenza che il saltarello, i balli e i canti umbri non hanno ancora raggiunto la diffusione e la fama di quelli Salentini. Si alterneranno sul palco vari musicisti e in certi momenti interagiranno fra di loro: Massimo Zamboni sarà protagonista del ‘Canto degli sciagurati’: “Uniti come spinti da un richiamo, fuoriusciti da un canneto di palude si incamminano lungo sentieri di argilla in uno scenario di strutture dismesse, avanzi di un tempo già terminato. Sono gli sciagurati: un manipolo eterno incessantemente costretto a prendere tra le mani il coraggio di insorgere”; Lucilla Galeazzi, artista umbra tra figure più autorevoli e stimate in ambito folk italiano e internazionale: il trio femminile è l’ultima sua iniziativa artistica, per la quale si avvale di due musiciste romane di incredibile talento ed esperienza di palco, Stefania Placidi/ voce e chitarre e Desirée Infascelli/ fisarmonicista, pianista e mandolinista; Sinfonico Honolulu, orchestra composta da otto elementi, sei ukulele, un basso e una batteria; Unfolk Project, versi controversi e contaminazioni sonore, di e con Alessandro Deledda/Live electronic, Marco Colonna /clarinetti, Silvia Bolognesi/ contrabbasso; Trio D’Alessandro con Silvio D’alessandro (psichiatra e scrittore di canzoni) / voce, Leopoldo Calabria / chitarra, Umberto Ugoberti / fisarmonica.

I commenti sono chiusi.