mercoledì 23 ottobre - Aggiornato alle 14:51

Montelago, gli spiriti della terra si radunano nell’Altopiano di Colfiorito. Il ritorno di Hevia

Il festival celtico della Terra di Mezzo protagonista ancora dell’estate tra Umbria e Marche: musica, sport, laboratori e appuntamenti culturali tra condivisione e libertà

Montelago celtic festival, Altopiano di Colfiorito

di D.N.

E’ ancora Montelago Celtic Festival, il folk festival dell’appennino umbro-marchigiano in programma l’1, 2 e 3 agosto a Taverne di Serravalle di Chienti (Mc). Più folk e fellowship che mai, la XVII edizione della rassegna torna protagonista dell’estate tra Umbria e Marche per riunire nell’Altopiano di Colfiorito l’amichevole popolo di Montelago attraverso la musica, lo sport, i laboratori e gli appuntamenti culturali.

Il ritorno di Hevia Tre palchi ufficiali e spazi dedicati all’improvvisazione permettono di immergersi a 360° nel panorama folk internazionale e di casa nostra. Imperdibili, tra i 28 concerti in programma, quello della folk metal band spagnola Mägo De Oz, rockstar con numeri da brividi, come le 100 milioni di visualizzazioni del video ‘Fiesta Pagana’, e il ritorno dell’amico maestro gaitero José Ángel Hevia Velasco, l’artista asturiano che ha inventato la cornamusa elettronica, vendendo più di due milioni e mezzo di dischi, e che sarà al Festival nella triplice veste di performer, conferenziere e insegnante.

CONCERTI ED EVENTI IN ALTA QUOTA

Laboratori Creatività no limits per trasformare il sapere in saper fare con ben 25 workshop: oltre agli amati corsi di musica e danza, divenuti nel tempo una istituzione della festa, decine di stage con focus su antichi mestieri e arti pratiche in esplorazione alle discipline dal sapore celtico e quest’anno – novità – delle eccellenze locali che fanno le Marche grandi nel mondo: produzione della carta, secondo la tradizione artigianale di Fabriano e Ancona, e tornitura del legno per creare una penna con le proprie mani. Esordiscono anche i corsi di cucina gallica e tradizionale irlandese con chef professionisti per recuperare antiche ricette perfette per i nostri tempi.

Fantasy Amanti del fantasy niente paura. L’appuntamento è alla Tenda Tolkien, luogo del sapere, cuore dello spirito fantastico della manifestazione, che ospita la rassegna Fellowship: amicizia e potere tra fantasy e realtà, con un nutrito calendario di iniziative culturali: 14 appuntamenti tra incontri, dibattiti, convegni, con la partecipazione anche di Edoardo Rialti, traduttore in Italia di G. R. R. Martin, e il format delle lezioni/spettacolo che fondono filosofia e teatro, curate dal “Frodo” Cesare Catà e dalla compagnia teatrale Magical Afternoon. Nella tenda sarà poi incoronato il vincitore del Montelago Storytelling 2019, corso/concorso di scrittura fantasy in collaborazione con la prestigiosa Scuola Holden di Torino e a cura di Loredana Lipperini, scrittrice e giornalista, giunto alla III edizione.

Eventi collaterali Non mancheranno i matrimoni celtici, tanto sport e vari eventi ludici, rievocazione, spettacoli col fuoco e le immancabili visite guidate alla scoperta del territorio, anche a cavallo. A disposizione dei partecipanti, che potranno raggiungere la manifestazione anche a piedi, attraverso i suggestivi sentieri di Montelago Walker nel cuore dell’Appennino, camping con area camper, tende, zone riservate ai biker e alle famiglie con bambini, oltre 90 stand tra camping e food shopping, con ben 23 attività locali coinvolte, gastronomia e mercatino d’artigianato. Rispetto e tutela dell’ambiente sempre al centro del Festival: raccolta differenziata, pulizia dei prati ed eco-gestione per una festa ogni anno più green. Per ulteriori info: www.montelagocelticfestival.it.

GUARDA IL TRAILER

Trailer «Radunatevi, spiriti della terra: è giunta l’ora!». L’invito da parte degli organizzatori è quello di entrare nel mondo fantastico della Terra di Mezzo, la città fatata che prende vita a Taverne di Serravalle di Chienti (Mc), nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano. Risuona la sveglia, rintocchi ancestrali: il richiamo della natura celebra lo spirito comunitario di una festa capace di canalizzare 15/20mila partecipanti da tutta Europa. A questa grande famiglia, che a ogni edizione si allarga, è dedicato il Trailer 2019, come la Vox Populi di quest’anno incentrata sul tema dell’Amicizia. Aria, acqua, terra e fuoco: straordinarie creature si ridestano dal torpore. È l’ora del risveglio, della rinascita, è tempo di una nuova avventura per il Popolo di Montelago, riunito ai piedi della monumentale arpa. Atmosfere fantasy, 151 secondi evocativi per invitare all’evento. «Montelago non ha bisogno di didascalie per essere raccontato. Chi va per la prima volta tornerà. Perché a Montelago, finalmente, si può essere se stessi», raccontano gli organizzatori. Firmato dal regista marchigiano Damiano Giacomelli, realizzato da Officine Mattòli Produzioni e prodotto da La Catasta, in collaborazione con Il Mastio e con i Comuni di Serravalle di Chienti e Pioraco, il Trailer ha dato nei giorni scorsi ufficialmente inizio al count down della XVII edizione del Folk Festival of the Appennines, per vivere tre giorni di pace, condivisione e libertà, immersi nella natura, lontani dalla routine e dalle ammorbanti città, tra musica, spettacoli, sport, attività all’aria aperta e tanto altro ancora.

I commenti sono chiusi.