lunedì 26 agosto - Aggiornato alle 00:03

Majuri, dopo il singolo ora anche il video per ‘Festivalbar’: celebrazione degli anni ’80, dal ritmo travolgente

L’atteso e ascoltatissimo ritorno della cantante umbra, uscito su tutti i digital store e già in rotazione su molte radio nazionali, ora è anche un video. Il pezzo è prodotto dai Luci Da Labbra

Festivalbar di Majuri

di Alessandro Cascianelli

I ritorni più belli sono quelli che si fanno attendere, stimolando la curiosità e facendo fantasticare. È il caso di Majuri, cantante di Foligno, che ha pubblicato recentemente il singolo ‘Festivalbar’, con cui in poco tempo è andata sotto ai riflettori. Il pezzo, prodotto dai Luci Da Labbra, altra nuova interessante realtà umbra di cui abbiamo già parlato, per l’etichetta 3Menda Dischi, si conferma tormentone dell’estate: un sound accattivante, un testo piacevole ed un ritornello che entra in testa e non esce più. Ora è uscito anche il tanto atteso video ufficiale per la regia, fotografia e montaggio di Guglielmo Sergio. Girato al Punta Navaccia di Tuoro sul Trasimeno vede la comparsa di molti amici della cantante in veste di attori.

GUARDA IL VIDEO

Link per ascoltarlo su YouTube

Apprezzamenti Tanti gli apprezzamenti per il nuovo lavoro dell’artista umbra, tra i sostenitori ci sono anche Jovanotti, che ha voluto la cantante ad uno dei suoi Jova Beach Party insieme a dj Ralf, e Albertino. Il famoso dj e conduttore radiofonico ha infatti passato il disco più di una volta su M2o Radio – di cui da aprile è diventato il direttore – contribuendo a farlo conoscere al grande pubblico. ‘Festivalbar’, oltre ad essere una meravigliosa celebrazione degli anni ’80, è anche il primo estratto di un progetto a cui Majuri sta lavorando da molto tempo e di cui nei prossimi mesi, probabilmente, si saprà qualcosa in più.

Link per ascoltarlo su Spotify

Majuri Cresciuta ascoltando Elvis Presley, Paola Majuri si è innamorata della musica grazie a suo padre, che le ha fatto conoscere moltissimi artisti. A 16 anni, dopo aver ricevuto in regalo la sua prima chitarra, inizia a scrivere canzoni in inglese e, poco dopo, partono le sue prime esperienze con le band rock. Negli anni successivi, il suo percorso artistico si incontra anche con la musica house: il legame indissolubile con il Red Zone, che frequenta assiduamente, la porta ad entrare in contatto con molti dj e a sperimentare nuove sonorità. Da due anni si dedica alla scrittura di brani in italiano, collaborando con diversi artisti della scena locale e nazionale.

I commenti sono chiusi.