mercoledì 19 giugno - Aggiornato alle 23:37

‘L’amore è una hit’ è il debutto dei Luci Da Labbra: tra l’indie e la dance, con la collaborazione di Leo Pari

L’esordio discografico del misterioso duo umbro in costume e casco bianco sta andando fortissimo: già migliaia di ascolti e passaggi in radio

Luci da labbra con Leo Pari (foto Andrea Adriani)

di Alessandro Cascianelli

Si fanno chiamare Luci Da Labbra, sono in due e stanno attirando l’attenzione della scena indie italiana, partendo dall’Umbria. Qualche giorno fa è uscito ‘L’amore è una hit’, il loro debutto discografico, contenente la preziosa collaborazione di Leo Pari, punta di diamante dell’it pop e parte della formazione live dei The Giornalisti. Il singolo è stato subito accolto molto bene da parte del pubblico: ha ottenuto, infatti, migliaia di ascolti sui principali digital store ed è stato passato anche da diverse emittenti locali. Ideata per l’occasione anche una clip video a cura di Andrea Adriani.

GUARDA LA CLIP SU FACEBOOK

GUARDA LA CLIP SU INSTAGRAM

Debutto Il progetto musicale del duo umbro è partito con il botto. Due sono i pezzi con cui hanno voluto cominciare il loro percorso artistico: ‘Festivalbar’, prodotta per Majuri, e ‘L’amore è una hit’, esordio ufficiale. Sin dalla prima strofa si nota un’interessante cifra stilistica, basata su divertenti giochi di parole e sui doppi sensi, sopra ad un tappeto musicale che ci riporta indietro nel tempo, fino agli anni ’80. La ciliegina sulla torta è il ritornello, cantato da Leo Pari, nome di punta dell’indie, che da mesi sta suonando nei palazzetti italiani insieme ai The Giornalisti. Da sottolineare, è anche la coraggiosa scelta di debuttare, fondando un’etichetta indipendente – la 3menda dischi – potendo così gestire le proprie uscite senza vincoli e in assoluta libertà.

ASCOLTA IL BRANO SU SPOTIFY

Luci Da Labbra Sul duo umbro aleggia il mistero. I Luci Da Labbra sono comparsi per la prima volta al Ralf in Bikini, facendo un dj set proprio con Leo Pari e presentandosi con un costume bianco e con un casco che celava la propria identità. Da subito, c’è chi li ha paragonati ai Daft Punk e chi al dj Marshmello – entrambi noti per usare una maschera per nascondersi. Dopo l’esordio sorprendente, sui progetti futuri del duo c’è molta curiosità: guardando i loro social la sensazione è che nella loro pentola stiano bollendo parecchie cose interessanti, non resta che attendere il prossimo passo.

FOTO E CLIP BY ANDREA ADRIANI

I commenti sono chiusi.