mercoledì 23 ottobre - Aggiornato alle 14:55

‘Fiera di san felice’ tra bestiame, cereali e prodotti tipici. Concerti e merende ad alta quota

A Monteleone di Spoleto, il comune più alto dell’Umbria, anche spettacoli equestri, presentazione dei nuovi presidi slow food e rievocazione della transumanza

Fiera san felice a Monteleone di Spoleto

di D.N.

Il piccolo comune di Monteleone di Spoleto, uno dei borghi più Belli d’Italia, detiene diversi primati: è il più alto dell’Umbria (1000 metri slm), è noto per il ritrovamento della Biga Etrusca, custodita al Metropolitan Museum di New York, di cui una fedele copia si trova nel piccolo museo della città, è inoltre conosciuto per il Farro Dop, unico cereale certificato Dop in Europa. Proprio qui dal 26 al 28 Luglio 2019 ci sarà l’8° edizione della ‘Fiera di San Felice – Mostra mercato del bestiame, dei cereali e dei prodotti tipici ad alta quota’.

Lunga tradizione «Anticamente, nelle campagne antistanti il borgo, si teneva un grande mercato del bestiame, di merci e prodotti artigianali – racconta Marisa Angelini, sindaca di Monteleone di Spoleto – e ancora oggi a Monteleone di Spoleto gli animali hanno un ruolo importante nell’economia del borgo, sia per gli allevamenti di bestiame, da cui derivano eccellenti prodotti caseari, che per i lavori nei boschi, dove in molti casi sono i muli a trasportare la legna da ardere». L’Amministrazione comunale organizza quindi la “Fiera di San Felice” che vuole essere rievocazione dell’antico mercato e della Transumanza. Una grande fiera del bestiame, con esposizione e vendita di animali di piccola e grande taglia, da affezione, da lavoro e da cortile, razze rare e di pregio, che sarà affiancata da spettacoli teatrali, concerti ad Alta Quota e nel centro del borgo, degustazioni, passeggiate in carrozza, attività a cavallo, in bici e a piedi, per grandi e bambini; e l’immancabile spettacolo equestre di domenica 28 luglio al tramonto, condotto da Nico Belloni, voce storica del Gala d’Oro di Fieracavalli Verona.

Convegno su biodiversità Il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA per la “Fiera di San Felice” organizza il convegno “Biodiversità, sviluppo del territorio e comunicazione: come sostenere le eccellenze locali grazie all’uso responsabile dei media”. Alessia Dorillo, responsabile della Comunicazione del Parco afferma: «La popolazione di “Capre Facciute della Valnerina” ad oggi si aggira intorno ai 150 soggetti censiti. É un patrimonio di alto valore zootecnico che ha visto negli ultimi anni una profonda erosione genetica. Il nostro lavoro di conservazione e salvaguardia mira all’aumento dei nuclei di animali puri per poter sviluppare delle economie locali e non solo. La Capra Facciuta ha una ridotta produzione di latte, ma le caratteristiche intrinseche di questo prodotto gli attribuiscono un alto valore di resa alla caseificazione e una notevole qualità. Nostro obiettivo è valorizzarne il prodotto, il formaggio, conferendogli una tipicità specifica per la nostra regione. Anche la carne che viene consumata dalle popolazioni nel periodo Pasquale, ha delle peculiarità uniche proprio per il tipo di alimentazione che questi animali hanno; sfruttando un allevamento di tipo estensivo, possono nutrirsi delle migliori essenze vegetali che le aree di media e alta collina preservano, nel rispetto della variabilità e della biodiversità naturale. Sensibilizzare i consumatori verso una cultura alimentare unica e sana è oggi fondamentale per la nostra salute». Il convegno è in programma sabato 27 luglio alle ore 15 presso il Teatro Carlo Innocenzi di Monteleone di Spoleto con l’intervento del giornalista Guglielmo Mastroianni, esperto di comunicazione on line e social network che parlerà dell’importanza di una comunicazione responsabile e di come le fake news possano incidere anche sul mercato dei prodotti enogastronomici.

Mostra mercato Per le vie del centro storico, inoltre, sarà possibile degustare e acquistare prodotti alla “Mostra mercato del Prodotti della Valnerina” e al “Mercato dei Presidi Slow Food”. Diversi saranno i momenti di degustazione dei prodotti locali con focus sui formaggi della Valnerina e sulla Ricotta salata, Presidio Slow Food umbro.

Musica Variegate poi le proposte musicali: il concerto dei Sunny Side Jumpers (swing), la musica per le vie del centro storico con “Le perle di Marte”, il concerto con Margherita Rinaldi Live Project (soul/jazz); che culmineranno con il “Concerto e merende al Alta Quota” in programma domenica 28 luglio alle ore 12.00, in Località Colle la Caccia. La montagna farà da suggestivo palcoscenico naturale al “Concerto con merende ad Alta Quota”. Un concerto acustico di musica mediterranea e gitana con i “Baro Drom Orkestar” ad ingresso gratuito, che sarà seguito da merende a base di prodotti della Valnerina e, alle ore 14.00, dalla degustazione di formaggi della Valnerina guidata dal degustatore Claudio Spallaccia, in abbinamento al Trebbiano Spoletino.

Laboratori di Arte Bianca Da non perdere poi nella giornata di domenica 28 luglio, due importanti appuntamenti con il Maestro dell’Arte Bianca Luca Antonucci, che alle ore 10.30 terrà il Corso di panificazione, “Il mio Pane Antico” mentre alle ore 15.30 terrà il Corso di Pizzeria “La mia Pizza Etrusca”. In entrambe i corsi Luca Antonucci guiderà i partecipanti all’impasto fatto con Farina di Farro Dop Bio di Monteleone di Spoleto.

Spettacolo equestre A chiudere la “Fiera di San Felice” l’ormai tradizionale spettacolo di arte equestre, che sarà presentato dal noto Nico Belloni, voce storica del Gala d’Oro di Fieracavalli Verona, in programma per Domenica 28 luglio alle ore 18.00. Molti gli artisti e le formazioni che si esibiranno, nell’anfiteatro naturale del parco di Monteleone di Spoleto, in entusiasmanti spettacoli di diverso genere: Terry Zappasodi con “Cavalli in libertà”; il Maneggio delle Palme con il carosello; Luca Giorgi e Luigi Altieri presenteranno saggi di arte equestre di alta scuola; Diego Salvati, con la magia della doma vaquera, il carosello dei Butteri della Maremma della “Valle di Lady”, i volteggi acrobatici di Serena Foglia, Sara Malafini e Andrea Galuppi. A chiudere lo show, al tramonto, sarà Gianluca Galuppi con l’entusiasmante ed ormai famoso spettacolo del fuoco.

I commenti sono chiusi.