venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 12:47

Eventi e concerti in Umbria dal 16 al 21 maggio. Feste di chiusura all’Urban, al Serendipity e all’Afterlife, mentre Cristina Donà omaggia De André

Saluti di fine stagione nei principali club umbri. Al Giò viene ricordato «Faber», a Perugia, a Terni e sul Trasimeno è la settimana di jazz e band locali

Mammane Sani in concerto al cinema Zenith di Perugia venerdì 19 maggio
Mammane Sani

di Angela Giorgi

È tempo di saluti nei locali dell’Umbria: all’arrivo della primavera, quando le temperature iniziano a salire e i nottambuli preferiscono riversarsi nelle piazze, tutti i club concludono la stagione con party di chiusura ed eventi speciali. Arrivederci al Friday I’m in rock dell’Urban: venerdì 19 maggio i resident della serata Fab & Fooly faranno ballare fino all’alba, mentre il “fratellino” The Garage chiude la sua prima stagione piena con una jam session organizzata dal Rollover staff. Sabato 20 maggio l’Afterlife chiama a raccolta tutti gli staff che hanno collaborato con il locale durante l’anno, come Reverse, I love ’80s e Bounce, e il Serendipity di Foligno schiera in consolle i suoi dj resident per la chiusura della sesta stagione. Da sempre eccellente nella club culture, anche questa settimana l’Umbria è attenta ai live: domenica 21 maggio all’hotel Giò di Perugia Cristina Donà rende omaggio a Fabrizio De André, accompagnata da Rita Marcotulli al pianoforte, Enzo Pietropaoli al basso, Fabrizio Bosso alla tromba, Javier Girotto al sax, Saverio Lanza alla chitarra e Cristiano Calcagnile alla batteria e percussioni.

I concerti L’Umbria pensa alle vacanze già da martedì 16 maggio: il Balù timbra il passaporto e si imbarca per San Francisco con il garage rock ‘n’ roll vecchia scuola dei Ritchmond Sluts, mentre il Marla parte per un Interrail nell’underground berlinese con The Lips. Anche mercoledì 17 maggio c’è voglia di frontiera: al Caffè Bugatti di Terni Max Ionata mette in contatto Roma e New York, con il suo progetto di jazz swingato di matrice italo-americana, e al Bar Chupito di Perugia la sperimentazione internazionale ha il suono del sax di Biggi Vinkeloe, una delle poche donne in jazz della sua generazione, in trio con Roberto Bellatalla (contrabbasso) e Peter Uuskyla (batteria). Jazz anche al Marla, con Francesco Angeli al sax, Luca Grassi al contrabbasso e Alessio Grassi alla batteria. Un cartellone tutto italiano giovedì 18: Stash Riders al Mishima di Terni, tra psichedelia e fantasioso funk-pop, Martin Gumbo’s Blues Band al Marla e La Madonna di Mezzastrada al Bar Pellas, in bilico tra cantautorato e post-rock.

Il weekend Il viaggio sonoro dell’Umbria continua venerdì 19 maggio con Mammane Sani al cinema Zenith di Perugia. Nome leggendario dell’avanguardia musicale del Niger, è attivo da più di trent’anni in una personalissima ricerca che coniuga minimalismo ed elettronica pionieristica, coadiuvata da elementi analogici come ritagli di trasmissioni radio o suoni provenienti dalle televisioni. Ai poli opposti della regione, due proposte diverse: all’Onda Road di Passignano sul Trasimeno Francesco Piu presenta l’ultimo disco ‘Peace & groove’, coadiuvato dalla sua blues band; al Fat CAOS di Terni The King Mooses giocano in casa con il loro alternative rock. Il quartetto ternano replica sabato 20 maggio alla Darsena live music di Castiglione del Lago, in apertura alla band electro-alt rock Lstcat. Al Mishima arriva da Bristol SJ Esau, originale solista che impiega tecniche di composizione sperimentali per produrre brani pop e psichedelici unici nel loro genere. Sabato 20 maggio è anche il primo giorno dello ‘Spring fest’ al Birrificio Altotevere di San Giustino, che vedrà esibirsi i Mulholland Drive in versione duo e i Solki con il loro nuovo album ‘Peacock eyes’. Nella seconda giornata di domenica 21 maggio saliranno sul palco SJ Esau e Hugomorales. Music farm, campagna perugina tra Madonna del Piano e San Martino in Campo: Pippo Matino e Silvia Barba presenteranno il loro ultimo disco ‘Dall’altra parte della luna’, tributo a Lucio Dalla. Il Caffè Bugatti attende invece Angela Mosley, figlia di uno dei più importanti cantanti jazz di Chicago, che sarà accompagnata da una band interamente umbra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.