martedì 21 novembre - Aggiornato alle 03:39

Ephebia festival a Terni, a San Valentino il 14 e 15 luglio suona pure la musica di Los Angeles

Centro giovanile Sant’Efebo spegne 20 candeline e regala evento internazionale

di Bar. Mar.

Due giorni all’insegna della musica con l’Ephebia Festival, nel centro giovanile Sant’Efebo, gestito dall’omonima associazione, torna la rassegna che accende microfoni e riflettori per band emergenti e di fama internazionale.

VIDEO

Ephebia festival dal 14 Ingresso gratuito per l’appuntamento più atteso dell’anno: Ephebia tornerà a scaldare il cuore di tutti gli appassionati di musica locale e non. L’associazione compie 20 anni ed è lieta di raccogliere tutte le forze per rompere il silenzio e far rombare gli amplificatori in due serate nel cuore di Terni. Nel 1997, proprio al centro giovanile di Sant’Efebo, c’è stato il primo evento che vide alternarsi sul palco giovani gruppi musicali ternani. Stessa location e stesse emozioni con un’unica differenza, Ephebia diventa internazionale accogliendo band da Berlino e da Los Angeles.

Successi internazionali «Il centro giovanile – dichiara il presidente dell’Associazione, Federico Madolini – è il cuore del quartiere; ha bisogno di essere rivalutato e, allo stesso tempo, vogliamo far conoscere questa struttura». Il quartiere di San Valentino si accenderà alle 17 di venerdì 14 luglio con una Battle Band, così da dare spazio ai più giovani e scoprire gruppi emergenti, per poi proseguire con gli Hybris di Terni e i Gomma di Caserta; a chiudere, i suoni psichedelici americani dei The Warlocks. Si sfideranno a suon di elettronica, con l’Electronic Battle, sabato pomeriggio i più piccini ma l’ospite più desiderato è Jörg Waehner, batterista degli Apparat, che suonerà insieme ai Perdurabo.

Promuovere il territorio All’interno del centro ci sarà la ‘Cittadella della Musica’ con espositori, artigiani, writers ed artisti; due giornate (quelle di venerdì e sabato) dedicate ai prodotti locali, «Questa è la politica dell’amministrazione comunale – interviene Tiziana De Angelis, assessore alla cultura –; le voci di questi ragazzi vanno ascoltate ed incentivate». Una manifestazione di quartiere si è trasformata in un evento internazionale puntando alla riqualificazione di un’area periferica ormai abbandonata. «Uno spazio vivibile – dichiara il presidente di Sant’Efebo – che deve essere usato ed è importante continuare ad operare per far crescere questo complesso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *