Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 19 settembre - Aggiornato alle 12:13

Ephebia Festival, successo per la tre giorni di musica in nome dell’integrazione e del volontariato

Accanto ai concerti al parco dei Pini di Narni anche l’evento ‘Ricordando Gino Strada’ con Arci e Emergency Terni.

Ephebia 2021

 

Musica, integrazione, arte locale e volontariato. Un mix di ingredienti che ha decretato anche quest’anno il successo dell’Ephebia Festival ospitato al parco dei Pini di Narni Scalo e organizzato dai volontari dell’associazione Ephebia. Un Festival diventato un appuntamento fisso per le associazioni locali, che partecipano sempre con grande entusiasmo sapendo che l’ambiente positivo e propositivo che si viene a creare durante il principale evento annuale dell’associazione Ephebia è la piazza ideale per promuovere le proprie iniziative, scambiarsi idee e stringere relazioni durature che portano a realizzare progetti in rete, strumento essenziale per la crescita umana e culturale di un territorio.

Edizione 2021 «Questo Ephebia è stato emozionante e profondo – dice la presidente, Eleonora Castellani -. Un carico di emozioni, di vita e di energia che ci fanno sentire più vivi che mai. Grazie a chi c’era, ai musicisti e soprattutto ai volontari che, nonostante tutto, continuano a lottare per rendere possibile tutto questo». Nella Cittadella della musica e dell’integrazione sono state coinvolte associazioni locali culturali
che operano sul territorio nel settore dell'integrazione e dell’accoglienza, Arci, San Martino, Laboratorio Idea. Accanto ai concerti, alle mostre d’artigianato locale, alle scuole di musica, alle liuterie, alle iniziative dedicate a bambini e ragazzi l’evento “Ricordando Gino Strada” con Arci e gruppo Emergency Terni. Viviamo un momento strano, in cui dobbiamo reinventare il concetto di stare insieme ma in cui è
fondamentale trovare il modo di farlo – dice il direttore artistico, Thomas El Honsali. Viviamo in un momento in cui organizzare un concerto è difficilissimo, stressante, ma lo fai perché hai mille motivi che ti spingono a continuare, sempre e comunque. Anche con il vento contro».

I commenti sono chiusi.