venerdì 19 aprile - Aggiornato alle 22:41

Dieci schermi da visitare: per la redazione di FilmTv c’è anche il PostModernissimo

Il servizio dedicato alla realtà delle sale cinematografiche italiane nasce dopo la pubblicazione del libro ‘Alla ricerca della sala’, un viaggio on the road tra i cinema indipendenti

L’attrice Isabelle Huppert, incontra il pubblico al Postmodernissimo di Perugia

di Dan. Nar.

Il PostModernissimo di Perugia continua ad essere frequentato, elogiato ed anche segnalato dalle riviste di settore. Questa volta è il celebre settimanale Film Tv, dedicato al cinema alla tv e allo spettacolo, che lo inserisce di diritto tra i ‘Dieci schermi da visitare’ a tutti i costi in Italia. L’articolo, dedicato alla realtà delle sale cinematografiche italiane indipendenti, pubblicato sul numero di Film Tv in edicola questa settimana, nasce dalla pubblicazione del libro di Nicola Curtoni ed Emila DeSantis ‘Alla ricerca della sala’, un interessante e suggestivo viaggio on the road tra i cinema indipendenti d’Italia.

In buona compagnia La redazione di Film Tv, infatti, suggerisce una bella mappa cinematografica italiana, prendendo come spunto il lavoro dei due cinefili che hanno incontrato esercenti, scoprendo le pratiche gestionali e come sono cambiate le sale negli ultimi tempi. L’obiettivo, raggiunto, è stato quello di coinvolgere e arrivare a quelle sale cinematografiche che non fanno parte dei grandi circuiti e delle grandi catene. Oltre al cinema perugino di via del Carmine, in questa mappa di Film Tv c’è anche il Cinema Beltrade (Milano), il Cinema del Carbone (Mantova), il Cinema Zero (Pordenone), il Classico (Torino), il Cinema Arsenale (Pisa), lo Stensen (Firenze), l’Hart (Napoli), il Cinema Teatro Tiberio (Rimini) e il Cinema Edison D’essai (Parma). «Molti sono amici, gli altri lo diventeranno presto. Finché c’è cinema, c’è speranza!» è il commento pubblicato sui social dai tipi del PostMod dopo la lettura dell’articolo.

I commenti sono chiusi.