Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 11:28

Dancity, dai Plaid ad Halina Rice: la ricca line-up da quarta dimensione del festival

A Foligno torna l’edizione invernale della rassegna internazionale di cultura e musica elettronica per una fusione delle arti multimediali, tra audio-visual e sonorità contemporanee

Anteprima Dancity Festival (foto Karen Righi)

di D.N.

Dopo l’edizione estiva del Festival, Anticorpi, Dancity torna in versione invernale. Dal 29 al 31 dicembre a Foligno, presso il complesso dell’Auditorium S. Domenico e altri incantevoli luoghi del centro storico, prenderà corpo Dancity Winter 2022. La sedicesima edizione del festival internazionale di cultura e musica elettronica si pone come un ponte verso una quarta dimensione, un wormhole che proietta il pubblico verso un’esistenza spazio-temporale in cui tutto appare sospeso. Le performance artistiche che avranno luogo durante i tre giorni di fine anno si distinguono per una fusione delle arti multimediali, con live audio-visual, sonorità contemporanee, fulgide incursioni visive che si stagliano su innovativi paesaggi sonori.

Line-up In questa futuristica prospettiva prenderà corpo il sound esplorativo del DJ e producer
italiano di base a Madrid Bawrut; il visionario A/V live di Bjarki, con la sua techno potente sullo sfondo delle distorte e conturbanti animazioni 3D di Thomas Harrington Rawle; il glamour oscuro della club music con la producer Coucou Chloe; uno dei DJ e producer italiani techno e dintorni più rispettati e acclamati a livello internazionale come Donato Dozzy; il minimalismo musicale unito alle dinamiche percussive delle lontane pratiche tribali di Giesse; lo stile eclettico della musicista e artista audio-visual Halina Rice, che si esibirà in prima italiana. Una prima assoluta è invece quella tra Katatonic Silentio e Demetrio Cecchitelli, che uniranno nella loro performance i rispettivi onirici mondi; ci sarà poi il progetto, in co-produzione con roBOt festival, tra la sassofonista Laura Agnusdei e il produttore Daniele Fabris, nato dalla ricerca condotta dai due artisti presso il laboratorio spæs – Lab for Spatial Aesthetics in Sound Berlin ed incentrato sulla ricontestualizzazione del suono di uno strumento tradizionale come il sax tramite tecniche di spazializzazione sonora. L’elettrizzante live in prima italiana del dj, producer e performer LSDXOXO, le improvvisazioni modulari tra tecnologia software, sistemi analogici e voce dell’artista coreana machìna; lo storico duo Plaid, formato da Ed Handley & Andy Turner e attivo dagli anni 90, uscito in questo mese con lo splendido album Feorm Falorx; uno dei ‘protagonisti assoluti’ del dj style internazionale Rame; la techno futuristica della talentuosa DJ e
produttrice in ascesa VTSS.

Teatro, sostenibilità e comunità Altri nomi si aggiungeranno al programma di Dancity Winter 2022, che ospiterà anche la performance teatrale Emmipiacevavivere, suite per voce e musica elettronica di Michelangelo Bellani, con Caroline Baglioni e musiche originali di Francesco Federici. Non mancherà lo spazio food, con una particolare attenzione alla sostenibilità attraverso l’utilizzo di materie prime a km 0 e al coinvolgimento di produttori locali, oltre ad altre buone pratiche volte a tutelare e rispettare l’ambiente. Grande attenzione come sempre da parte di Dancity verso la comunità folignate, che durante i tre giorni di fine dicembre accoglierà il Festival: proprio per questo offrirà ai residenti la possibilità di accedere a Dancity Winter con un abbonamento a prezzo ridotto (acquistabile presso Spazio Astra, via Mazzini 47). Tutte le info su www.dancityfestival.it.

I commenti sono chiusi.