giovedì 22 giugno - Aggiornato alle 16:10

‘Dammi una mano’, sul grande schermo il film made in Umbria «senza budget» e «a chilometro zero»

La pellicola della regista Raffaella Covino sarà presentato in anteprima sabato 26 novembre al Pavone e dal 29 novembre in visione al Postmod di Perugia

Durante le riprese di 'Dammi una mano'

di Danilo Nardoni

«Tutto quello che cerchi è molto vicino, non bisogna andare molto lontano per realizzare un film». Questo lo spirito, riferendosi a professionalità e competenze tutte locali, che ha animato fin dall’inizio il progetto ‘Dammi una mano’. Lo ha ricordato la regista Raffaella Covino presentando a palazzo della Penna di Perugia questo film “senza budget” e “a chilometro zero” prodotto e realizzato interamente in Umbria. Una vera e propria opera prima, in tutti i sensi.

Commedia brillante girata a Perugia e Assisi Creato e prodotto dall’associazione culturale Ogni Fotogramma, in collaborazione con due società audio e video umbre come Promovideo e Sound Studio Service che hanno curato tutta la parte tecnica, la pellicola è una commedia brillante, leggera ma allo stesso tempo anche profonda, girata soprattutto a Perugia e ad Assisi. Tre anni di lavoro che ora finalmente vedranno la luce: sia con una proiezione in anteprima e riservata anche alla stampa prevista per sabato 26 novembre al Teatro Pavone alle 21.15 sia con la prima aperta al pubblico per martedì 29 novembre alle 21.30 al Postmodernissimo. Nel cinema di via del Carmine rimarrà poi in programmazione fino al 7 dicembre (ogni sera alle 19.30).

Trecento persone coinvolte Tutto è stato realizzato soltanto grazie a un crowdfunding dal titolo ‘Compra il biglietto del film che non c’è’ con il quale sono state affrontate le spese vive (5mila euro i fondi raccolti), alla collaborazione di enti, privati, negozi, società che hanno, appunto, “dato una mano” e a oltre 300 persone che hanno messo a disposizione la propria professionalità, senza compenso, per dar vita al progetto. Passaggio cruciale per la riuscita dell’iniziativa, come sottolinea la stesso regista, «è stato quello di convincere tutti a mettere la propria professionalità a disposizione per realizzare questo grande sogno solo per la passione e l’amore per il cinema».

Cast tutto al femminile ‘Dammi una mano’ ha anche «il merito di portare l’Umbria e le città di Assisi e Perugia sullo schermo attraverso la condivisione e un bel lavoro di gruppo», come ha sottolineato Teresa Severini, assessore alla cultura del Comune di Perugia che ha concesso il suo patrocinio all’iniziativa, intervenuta anche lei alla presentazione insieme a Fabrizio Salvanti della Promovideo. «Siamo orgogliosi di aver realizzato una cosa molto bella e di averla fatto con forze umbre e soprattutto perugine», ha affermato Salvanti il quale poi ha aggiunto che «nel mondo dell’audiovisivo l’Umbria non ha nulla da invidiare ad altre regioni perché ci sono case di produzione di alto livello». In rappresentanza degli attori, Marta Pellegrino e Francesco Bolo Rossini hanno definito l’esperienza fatta come «straordinaria». Il film racconta la storia di una giovane e affermata psicologa, Caterina, che vede crollare la sua vita perfetta dopo la morte del padre. I debiti e uno scandalo di provincia le fanno perdere tutto, tranne quello che non sapeva di avere: la sua forza e la capacità di rialzarsi, facendo affidamento sulle amiche Ludovica e Sara, più la fragile sorella Viola, che lei aveva sempre pensato di dover sostenere. Il risultato è una commedia effervescente con un cast tutto al femminile: Ilaria Falini, Olga Rossi, Roberta Bistocchi, Marta Pellegrino e Silvia Fiorentini, più Francesco Bolo Rossini e Michele Nani. Nel film c’è una piccola partecipazione di David Riondino che è anche l’autore e l’interprete della omonima canzone colonna sonora del film.

In cantiere un secondo film In attesa del suo esordio sugli schermi umbri, e a conferma anche della qualità artistica della pellicola, di recente ‘Dammi una mano’ è stato selezionato al festival del cinema italiano di Miami, in concorso come miglior film accanto ai giganti del cinema italiano. Marsciano, Castiglione del Lago e Napoli sono invece, dopo Perugia, le prossime tappe dove sarà proiettato il film. Al momento non c’è una distribuzione programmata, ma la regista Covino ha annunciato che lo staff sta lavorando in tal senso. A detta di tutti, inoltre, questo «non può essere un progetto che si ferma». Con questo film, ha ricordato la regista, «abbiamo dimostrato quello che possiamo fare, ma ora è necessario un passo successivo». Ed in cantiere, infatti, c’è già un secondo film dal titolo ‘La luce’. «È un film molto impegnativo, girato in gran parte di notte – ha concluso Covino – ma per essere realizzato ha bisogno di un finanziatore e sono convinta che anche questo lo troveremo in Umbria».