Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 14 aprile - Aggiornato alle 23:17

Baravai-anfiteatro Terni, musica e mercatini nella speranza di un’estate Covid free

Il team eventi si svela ma non troppo, Leonardi: «Allestiremo un palcoscenico nei pressi del chiosco bar»

Foto Facebook Baravai

di Maria Giulia Pensosi

Nonostante la decisione del Governo sullo stop agli eventi dal vivo, musicali e culturali, che non sembra ancora  tramontare c’è chi non si perde d’animo e imbastisce idee per un’ipotetica stagione estiva, sperando di poter ripartire sulla falsa riga di quella che è stata l’estate 2020 «Lo scorso anno abbiamo potuto lavorare con il bar e con eventi musicali, e non solo, presso l’anfiteatro – racconta a Umbria24 Andrea Leonardi, coordinatore degli eventi musicali dell’anfiteatro e gestore del Baravai – Speriamo in un’estate analoga o migliore a quella 2020, in una flessione della curva di contagi che permetta al Governo di allentare qualche restrizione e di farci ripartire».

Baravai-anfiteatro romano 2021 Per ora solo idee del gestore del Baravai e del team eventi. Il no agli spoiler degli spettacoli pensati e selezionati nello specifico non cela comunque l’entusiasmo. Si pensa ad un rilancio della cultura sotto vari punti di vista ed in sicurezza «L’idea è quella di allestire dei mercatini rionali nello spazio che abbiamo a disposizione antecedente all’anfiteatro stesso – confida Andrea Leonardi – Un modo per rendere fruibile la cultura e un punto di incontro all’aria aperta. Vorremmo anche posizionare un piccolo palcoscenico nei pressi del chioschetto per eventi musicali e dj set che accompagneranno i clienti nei weekend durante l’happy hour o nelle serate estive. Non mancheranno i concerti e gli spettacoli, sulla scia della scorsa stagione, ma per ora no spoiler, attendiamo le disposizioni del Governo e della Regione stessa per decidere come muoverci». Lo spirito è quello giusto, si pensa al domani, alla città spenta dalla pandemia che merita una ripartenza in grande stile, accompagnata da un buon cocktail, da piacevoli note musicali e non solo in stile ‘Baravai- anfiteatro romano 2020’.

La scorsa stagione Baravai è il nome del promotore eventi, realizzati in collaborazione con la cooperativa Macchine Celibi, Letz Wine, Fat – Art club, We reading, Degustazioni musicali, Caos – Centro arti opificio siri ed Ephebia che si realizzano all’interno dell’area archeologica dell’anfiteatro romano, presso i giardini pubblici  ‘La Passeggiata’. Il chioschetto allestito all’esterno dell’arena e l’adiacente zona verde, gremita di tavolini, è diventato un punto di ritrovo, una piccola oasi a disposizione di tutti, cittadini, umbri e turisti. Aperto dal 15 luglio scorso, la rassegna 2020 è stata capitanata da una vera e propria serie di concerti e spettacoli concentrati in un mese di eventi, tra agosto e settembre, che si sono svolti in sicurezza e nel rispetto delle norme anti covid19 all’interno del rinnovato antiteatro romano. La stagione è stata inaugurata tra musica e parole da Nicolò Fabi e hanno partecipato, tra gli altri, Motta, Management, Elio Germano, Margherita Vicario, Francesco Montanari, Psicologi, Giorgio Montanini, Maestro Pellegrini, Uto, Elio Biffi (Pinguini tattici nucleari). «È stato ottimo il riscontro e l’affluenza da parte della cittadinanza e dei turisti – osservano gli addetti ai lavori – pensiamo di riproporre un format simile per l’estate che verrà».

I commenti sono chiusi.