martedì 23 luglio - Aggiornato alle 19:26

Alla sala Cutu di Perugia un focus sulla danza contemporanea: dalla Cumbria alle nuove sperimentazioni

Lucia Guarino con Retiro, lavoro ispirato al quartiere di Buenos Aires dove pubblico e privato sono mescolati, e il progetto Contemporanea Cube a cura del Centro Danza

Danza contemporanea

di D.N.

Per due giorni il palco della Sala Cutu si apre alla danza contemporanea. Sabato 11 e domenica 12 maggio ospiterà infatti un focus. Sabato alle 21 il Teatro di Sacco, in collaborazione con Cumbria (cooperativa internazionale per la diffusione di musica e cultura sperimentale dell’America-Latina) e T-Trane, presentano Lucia Guarino con Retiro. Si prosegue domenica, alle ore 17 e, in replica, alle ore 19 con il Centro Danza che, portando avanti il progetto Contemporanea, presenta Contemporanea Cube. Biglietto 10 euro. Info & prenotazioni 320.6236109.

Retiro Si tratta di una performance ideata dalla stessa Guarino su musiche di Pinchado. Lo spettacolo è prodotto dall’Associazione Culturale Nexus con la coproduzione: TeatroLiberoIncontroazione. Il nome del lavoro è ispirato al quartiere Retiro di Buenos Aires dove la conformazione urbana, gli odori, i colori, i suoni, le relazioni sociali creano un paesaggio in cui pubblico e privato sono totalmente mescolati, dove la negoziazione e il compromesso della vita sono evidentemente alla base della sopravvivenza. L’idea della performance nasce proprio dalla riflessione su tre elementi dello spazio: il privato, il pubblico e il momento che intercorre tra i due, il “tuffo” come estremo atto di libertà e coraggio o come accettazione del proprio fallimento. In questa realtà la scoperta della Cumbria Villera: una musica popolare tipica del Sud America dove i testi hanno a che fare con il crimine, le droghe, il disagio sociale, l’abbandono, la tragedia e i suoni portano a danze vertiginose caratterizzate dalla perdita del centro e dell’equilibrio. L’incanto è nella sua estetica e l’obiettivo è quello di interpretare l’immagine del ribaltamento del corpo e della cristallizzazione della spirale dinamica che avviene un attimo prima dello “schianto”. L’attimo dove la bestialità e la ragione, tra vertigine, ritualità e coraggio, si incontrano.

Contemporanea Cube Il progetto si articolerà come segue: ‘E’ già tardi’, ‘Prima dell’arcobaleno’, ‘Destinata Guerriera’, ‘Parlami di me’, ‘City Jungle’. Contemporanea racconta le nuove culture giovanili e le nuove sperimentazioni della danza dando la possibilità a tanti giovani di creare un percorso diversificato, dove si può crescere nella scoperta del linguaggio del corpo e della danza contemporanea. Afshin Varjavandi, Claudia Fontana, Paolo Rosini, Valeria Stefanini, sono i coreografi che hanno lavorato con i giovani allievi del Centro Danza costruendo ‘Contemporanea Cube’ e che continuano a formare, con professionalità e passione, gli allievi del territorio perugino. Contemporanea è un nome che racchiude il senso identificativo di un’epoca, un progetto che cerca di raccontare l’identità di una città, Perugia, con le caratteristiche della città stessa: un perfetto miscuglio di culture. E lo fa tramite il linguaggio di persone diverse fra loro, che si occupano di varie tecniche di danza. Contemporanea è la ricerca di una danza che respira il tempo presente, ne assorbe gli umori, ne è contagiata nel ritmo veloce, nella voglia di condivisione e nell’atteggiamento curioso della mente. La presenza di un pubblico, prevalentemente giovane, che ha seguito negli anni le “emozioni” di Contemporanea, dimostra che creare interesse ed avvicinare all’arte della danza le nuove generazioni è possibile e realizzabile. In questa edizione 2019 sarà presente, come ospite, la compagnia fiorentina Company Blu con la danzatrice Isabella Giustina che presenterà il solo Destinata Guerriera, lavoro che indaga la figura della donna guerriera dei poemi cavallereschi del Rinascimento. La performance induce riflessioni sul ruolo della donna non solo nel contesto mitico-letterario ma anche nell’attualizzazione dell’identità femminile nella realtà odierna. La difficoltà nel far convivere la propria femminilità e il proprio essere donna, con le necessità della vita professionale e delle responsabilità personali in una società sempre più esigente. Ma dietro a questo sembiante si nascondono la delicata femminilità, la dolce sensualità e la capacità di amare di questa donna. Centro Danza è un network formativo che dal 1984 offre alla città di Perugia una proposta coreutica di alto profilo culturale e tecnico e promuove lo sviluppo della capacità creativa, la crescita personale dei giovani, dei bambini e riesce a dare agli allievi una formazione di grande qualità e continuità costruendo rapporti di collaborazione e di scambi con strutture formative e produttive, nazionali ed internazionali. Al contempo è un incubatore di energie creative sia per le attività che propone a tutti i soci, sia per il sostegno alla compagnia INC InNprogressCollective.

I commenti sono chiusi.