giovedì 20 settembre - Aggiornato alle 22:34

Alchemika, via della Viola ‘rifiorisce’ con l’edizione 2018 del festival internazionale dell’arte di strada

Nel cuore di Perugia otto compagnie di artisti di fama internazionale, concerti, estemporanee di pittura, mostra-mercato di prodotti artigianali e tanto altro

Alchemica

di D.N.

Con artisti di fama internazionale, concerti, estemporanee di pittura, mostra-mercato di prodotti artigianali, venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 settembre torna Alchemika, il festival internazionale dell’arte di strada ideato dall’associazione Fiorivano le Viole. Diventato ormai il simbolo della rinascita di via della Viola, il festival per il quinto anno consecutivo porterà a Perugia il teatro di strada, l’arte circense, la musica e la poesia per accendere nuove alchimie tra le strade e i vicoli della città. Alchemika, infatti, non è che il culmine di un percorso di partecipazione spontanea e dal basso, avviato dall’associazione che negli ultimi sei anni ha ridato vita a un intero quartiere del centro storico di Perugia, via della Viola, un tempo semi-abbandonata e oggi trasformata in una “via dell’arte”. Un luogo ispirato e attento alla socialità, alla condivisione, alla creatività e alla bellezza. Un processo che ha stimolato il fiorire di botteghe d’arte e artigianato, la riapertura di attività culturali e commerciali che danno allo spazio urbano una dimensione viva, sana e positiva.

Artisti di strada Otto compagnie di artisti di strada provenienti da Francia, Inghilterra, Argentina e Italia si esibiranno in sei punti spettacolo tra piazza Matteotti e piazza del Duca, passando da via Cartolari e via della Viola, vero cuore della manifestazione, con spettacoli di clownerie, danza dal trapezio, teatro di figura e arti circensi. Ad animare le serate del festival tre concerti con importanti band della scena musicale folk, rockabilly e cantautorale. Per completare l’esplosione di colori, lungo le strade interessate dal festival si terrà anche un’estemporanea di pittura, una mostra-mercato di prodotti artigianali, mostre d’arte, esibizioni di danza africana, capoeira e punti ristoro.

Programma Venerdì 14 settembre, per l’apertura del festival, dalle 17 si terrà una parata con tutti gli artisti da via della Viola a corso Vannucci; dalle 18 apertura dei punti ristoro e concerto dei The Partners in Crime, una band composta da quattro straordinari musicisti, tra i più apprezzati e richiesti del genere, pronti a farvi scatenare a ritmo serrato di Jumping Blues, Rockabilly e Hoodoo Soul. Sabato 15 e domenica 16 settembre, dalle 18 alle 22 gli spettacoli di arte di strada in contemporanea a rotazione in quattro punti tra via della Viola e via dei Cartolari: piazza del Duca, piazza delle Cinquecento, largo Paolo Vinti e “angolo del Discorso”. Inoltre, dalle 15 apertura del mercatino artigianale e dell’estemporanea di pittura; alle 17 parata ed esibizioni di danza africana e capoeira. Sabato 15, dalle 22 canti, balli e abbracci con l’amatissimo Antonio Ballarano live band in concerto, un viaggio dalle atmosfere decisamente vintage che attraversa tutto il ‘900, dai vecchi swing Made in italy al cantautorato popolare. Domenica 16 settembre, sempre alle 22, l’atteso concerto della Takadum Orchestra, che porterà ritmi e melodie del mediterraneo in bilico tra il folk e contaminazione, grazie alle voci di Lavinia Mancusi e Valeria Villeggia, la chitarra flamenca di Alessandro Chimienti e le percussioni arabe di Gabriele Gagliarini e Simone Pulvano. Per completare il programma musicale, uno dei punti spettacolo (“Bracciarubate” dalle 17 alle 21) sarà interamente dedicato alla musica buskers, con cinque artisti che si alterneranno in un “one man show” per tutta la durata del festival. Il programma dettagliato con tutti gli artisti di strada è pubblicato sulla pagina Facebook di Fiorivano le Viole.

I commenti sono chiusi.