domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:18
6 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 00:35

Niente riparto del fondo nazionale, i centri antiviolenza di Perugia e Terni costretti a ridurre le attività

Ad annunciarlo in una nota è l'associazione Libera... mente donna: da lunedì servizi tagliati. Il segretario del Prc Flamini: «Scelta del governo è vergognosa»

Niente riparto del fondo nazionale, i centri antiviolenza di Perugia e Terni costretti a ridurre le attività

Orario ridotto, a causa di mancanza di fondi, per i Centri antiviolenza di Perugia e Terni e per l’associazione Libera… mente donna. Ad annunciarlo in una nota sono le tre realtà: «A causa del mancato riparto del fondo nazionale antiviolenza, nonostante il contributo straordinario della Regione Umbria e l’impegno degli enti locali, l’Associazione Libera… mente donna e i Centri antiviolenza di Terni e Perugia da essa gestiti si vedono costretti a ridurre l’attività lavorativa a partire da lunedì». A partire dall’8 agosto non verranno quindi più effettuati inserimenti in ospitalità né inserimenti in emergenza e durante agosto non ci saranno neppure nuovi colloqui al di là di quelli già programmati. Le attività assicurate saranno quelle relative al percorso di donne ospitate in residenzialità nei due centri, mentre la reperibilità telefonica sarà assicurata dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Per qualsiasi emergenza, al di là dell’indirizzo mail (le risposte non saranno assicurate fuori dagli orari indicati in precedenza) si possono chiamare i numeri 1522 e 800861126.

Flamini: vergognoso Sulla riduzione dell’orario interviene il segretario regionale di Rifondazione comunista Enrico Flamini, secondo il quale «la Regione e in primis la presidente Marini farebbero bene e meglio ad intervenire con fermezza sul governo richiedendo le risorse necessarie. Delle parlamentari e dei parlamentari umbri che dire? Non pervenuti. Il mancato riparto è infatti una scelta gravissima non solo perché in generale i tagli alla spesa sociale sono sbagliati, ma perché il tema della violenza sulle donne è di drammatica attualità nel nostro paese, con un alto numero di femminicidi che non sono altro che la punta dell’iceberg di una barbarie contro le donne tragicamente in crescita. Tagliare le risorse per i centri antiviolenza significa lasciare sole le donne nella situazione di massima debolezza: è una scelta vergognosa».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250