lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:59
16 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:32

Ncm Foligno inaugura nuova fabbrica col ministro Boschi: operai donano 5 mila euro a terremotati

Stabilimento da 6 mila mq per l'azienda aerospaziale di Cesca: «Imprenditori rischiano ma servono più certezze». Marini: «Qui crisi vinta con investimenti, ma non ci fermiamo»

Ncm Foligno inaugura nuova fabbrica col ministro Boschi: operai donano 5 mila euro a terremotati

MULTIMEDIA

Guarda le foto

Inaugurato il nuovo stabilimento della Ncm. Anche il ministro Maria Elena Boschi a sorpresa ha voluto partecipare al taglio del nastro del capannone di circa 6 mila metri quadrati dell’azienda aerospaziale di Foligno guidata dal presidente Renato Cesca che stamattina insieme alla presidente della Regione, Catiuscia Marini, ha aperto le porte della nuova fabbrica.

Inaugurazione col ministro Boschi: fotogallery

Operai Ncm di Foligno donano un’ora di lavoro La cerimonia si è aperta con la proiezione delle immagini del sisma del ’97 che ha duramente colpito il Folignate. Un messaggio speranza per Norcia e per le altre zone colpite dal terremoto del 24 agosto, ma anche di solidarietà. Sì, perché i lavoratori della Ncm hanno donato ognuno un’ora di lavoro, raccogliendo 5 mila euro che sono stati consegnati venerdì mattina alla Regione che ha attivato un apposito conto per le donazioni: «Un grazie di cuore mio personale – ha detto la presidente Marini – ma soprattutto a nome dei cittadini colpiti dal sisma, alle dipendenti ed ai dipendenti, ed a tutta la dirigenza della Ncm, per questo gesto di generosità e di solidarietà». Il ministro Boschi, che ha partecipato all’inaugurazione in gran segreto forse per evitare le contestazioni, ha ricordato i giorni del terribile sisma del ’97: «Avevo sedici anni – ha affermato – e mi ricordo come questa terra riuscì a reagire. Sono particolarmente attaccata a questa regione, mia madre è spoletina, e negli anni del terremoto sono stata volontaria in queste zone». presenti anche il vice presidente, Fabio Paparelli, e l’assessore Luca Barberini

Inaugurata nuova fabbrica col ministro Boschi A prendere la parola anche il presidente Cesca, che ad aprile ha firmato l’accordo con l’americana Pratt&Whitney, presente col program manager per l’Italia, Angelo Ricigliano:«Il lavoro dell’imprenditore è quello di rischiare tutti i giorni, ma vorremmo avere qualche certezza in più per mandare avanti le nostre aziende con maggiore stabilità – ha affermato guardando il ministro – la incitiamo a correre per la strada che ha intrapreso perché solo con le riforme potremo avere in futuro un governo stabile e far crescere l’economia e il Pil del nostro Paese». L’azienda del polo aerospaziale è nata nel 1988 con tre dipendenti, ma entro la fine dell’anno l’organico salirà a trecento. La crescita della Ncm di Foligno è possente soprattutto grazie agli investimenti che soltanto per l’anno in corso valgono 7 milioni di euro, a fare la parte del leone è naturalmente lo stabilimento inaugurato venerdì, ma anche macchinari. Ma a dare il senso della dimensione del successo del presidente Cesca è il fatturato nel 2016 in crescita del 32 per cento, mentre le stime del 2017 segnano + 18 per cento.

Marini: «Qui crisi vinta con investimenti» La presidente Marini, accompagnata dal vice Fabio Paparelli e dall’assesore Luca Barberini, ha commentato le perfomance: «Questa azienda ha tutti i segni ‘più’, dalla crescita dei dipendenti, a quella del fatturato, dell’export, della ricerca, dell’innovazione. Uno sviluppo avvenuto nel pieno della crisi e ciò è stato possibile perché qui si è scelto, con coraggio ed anche grande professionalità, di investire, appunto, in innovazione e ricerca. Ed il mercato ha premiato tutto questo. La Ncm oggi è una delle trenta aziende del polo regionale dell’aerospazio, che in questi hanno ha segnato importanti risultati. Un settore che è cresciuto e si è sviluppato, conquistando non solo significative quote di mercato, ma anche autorevolezza e fiducia da parte di rilevanti attori dell’industria aeronautica mondiale. Uno sviluppo avvenuto in ‘controtendenza’ rispetto alla grave crisi economica, perché queste imprese hanno particolarmente creduto nella ricerca e nella innovazione. Cogliendo questa scommessa hanno saputo utilizzare le opportunità che sono state offerte nell’ambito di un processo che come Regione – ha concluso – abbiamo sostenuto e continueremo a sostenere ancor di più con la nuova programmazione dei fondi comunitari»

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250