martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:11
21 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:06

«Mr. Cobbler e la bottega magica», dopo un Oscar McCarthy torna con il suo peggior film

Solito personaggio di Adam Sandler e soliti buoni sentimenti per un lavoro che poggia su basi inconsistenti

«Mr. Cobbler e la bottega magica», dopo un Oscar McCarthy torna con il suo peggior film

di Gordon Brasco

La cosa peggiore di vedere un film con Adam Sandler è Adam Sandler. L’attore statunitense si può accostare a quello che secondo la teoria generale della relatività è un buco nero, ovvero una regione dello spazio-tempo con un campo gravitazionale così forte che nulla al suo interno può uscire, neppure la luce. Sandler è oramai all’ennesimo filmetto tagliato su misura dove ripropone il solito personaggio immaturo, un po’ clown, dai buoni sentimenti, a cui il fato propone un espediente magico per rivalsa verso una vita scialba e incolore. Se la trama vi sta già facendo venire un lungo brivido lungo la schiena peggio sarà quando affronteremo il contributo del regista e degli altri attori: Thomas McCarthy si scorda di aver vinto un Oscar («Il caso Spotlight» del 2015) e dirige il suo peggior film in assoluto facendoci venire il dubbio che i troppi complimenti ricevuti in questi mesi debbano avergli dato alla testa. È vero che anche in questo caso, come nei suoi primi lavori, il fulcro della storia è un uomo che si apre alla vita grazie all’interscambio con altre persone ma la favoletta della risuolatrice magica manda tutto in vacca nel giro di dieci minuti. Da buttare anche i contributi degli attori comprimari, tra tutti Dustin Hoffman che si ritrova in una parte così sbagliata e deprimente da farvi sentire in imbarazzo durante la proiezione e far rinnegare a Luca Carboni il titolo del suo album d’esordio («…intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film» del 1984).

Un flop Il solito finale tra cuoricini che scoppiettano e tramonti rosa ci ricorda che la vita è bella, mamma e papà vi vogliono bene e Babbo Natale anche quest’anno arriverà a portarvi i doni se siete stati buoni; a dimostrazione che il limite maggiore di questo film non è tanto la sequela di boiate cucite insieme ma l’inconsistenza sulla quale poggiano e che renderebbe innocua qualsiasi eventuale buona idea (e vi assicuro che non ce ne sono). Insomma vale la pena spendere dei soldi per questo film? Secondo me no: che cosa dovremmo trovare di nuovo rispetto a un film come «Cambia la tua vita con un click» del 2006 (diretto da Frank Coraci e interpretato da Adam Sandler)? Nulla se non forse che nella pellicola di dieci anni fa il livello di verve era sicuramente un po’ più alta. Sandler sembra un pezzo di bollito che recita tramite la computer grafica, gli altri del cast se possibile fanno peggio e il regista dovrebbe farsi a piedi il cammino di Santiago allo scopo di chiedere scusa per come ha diretto questo lungometraggio dopo aver vinto un Oscar con un film eccezionale. Avete voglia di una commedia divertente per passare una serata estiva? Pescate qualcosa a caso dalla vostro biblioteca on-demand e lasciate Sandler e soci alla deriva verso l’inferno dei flop.

Un film di Thomas McCarthy. Con Adam Sandler, Cliff Smith, Ellen Barkin, Melonie Diaz, Dan Stevens. Titolo originale The Cobbler. Commedia, durata 99 min. USA 2014. Barter Multimedia.

Trama: Max Simkin è un uomo che ripara scarpe a New York, nella stessa bottega che è stata della sua famiglia per generazioni. Un giorno si imbatte in un cimelio magico che gli permetterà di entrare nella vita dei suoi clienti. L’uomo si perderà così in un viaggio divertente di auto-scoperta, dove apprenderà l’importanza della famiglia attraverso la magia del “camminare un miglio nelle scarpe di un altro uomo”. Un viaggio che non cambierà solo il suo mondo, ma anche il mondo intorno a lui.

Perugia
Gherlinda:  17.10 / 19.40 / 22.05
Uci Cinemas Perugia: 17.20 / 19.50 / 22.35

Terni
The Space: 17.45 / 20.00 / 22.15
Cityplex Lucioli: 17.30 / 20.35 / 22.30

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250