venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 23:59
20 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:16

Morti sul lavoro, braccia incrociate per un’ora anche in Ast

Mercoledì sciopero al sito siderurgico di Terni per ricordare i tre lavoratori deceduti

Morti sul lavoro, braccia incrociate per un’ora anche in Ast
Tk-Ast (foto Rosati)

Braccia incrociate per un’ora anche all’Ast di Terni. Dopo la tragedia di Piacenza dove un operaio è morto dopo essere stato investito fuori dalla sede di Gls dove era in corso una protesta, mercoledì 21 settembre anche i lavoratori del sito siderurgico umbro si fermeranno un’ora aderendo allo sciopero nazionale convocato da Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil. Nelle ultime ore sul posto di lavoro hanno perso la vita anche un operaio dell’Ilva di Taranto e uno dell’Atac di Roma: «Dall’inizio dell’anno – sottolineano i rappresentanti dei lavoratori – 500 lavoratori sono morti in Italia mentre lavoravano. È un dato inaccettabile, che rappresenta una situazione drammatica». La Rsu dell’Ast ha dunque comunicato all’azienda l’adesione alla protesta con un’ora di sciopero con assemblea alla fine di ogni turno. In particolare il primo turno incrocerà le braccia dalle 13 alle 14, il secondo dalle 14 alle 15 e il terzo dalle 22 alle 23.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250