martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:55
21 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 23:46

Perugia: Santopadre ha incontrato la squadra in ritiro. Tutti sotto esame, compreso il tecnico

Il presidente biancorosso non ha digerito la brutta prestazione di martedì sera e vuole una pronta reazione: a Novara è vietato sbagliare

Perugia: Santopadre ha incontrato la squadra in ritiro. Tutti sotto esame, compreso il tecnico

di G.N.

Massimiliano Santopadre è stato uno dei primi a lasciare Modena con la rabbia stampata nel volto dopo il fischio finale della peggiore partita del campionato del Perugia  nel momento cruciale della stagione. Da martedì pomeriggio la squadra è in ritiro a Roma, al Mancini Park hotel. Questo il primo provvedimento preso dal patron del Grifo  che ha incontrato la squadra nelle ore scorse dopo aver raggiunto la sede del ritiro. Nel faccia a faccia con il gruppo il patron biancorosso ha preteso spiegazioni della prestazione senza mordente offerta contro il Modena che non vinceva da sei giornate e ha ritrovato la luce proprio contro i grifoni. L’imprenditore romano ha fatto capire che da adesso non tollererà più cali di tensione di questo tipo e che tutti saranno sotto esame compreso il tecnico. Martedì sera proprioPierpaolo Bisoli deluso e quasi rassegnato  si è presentato in sala stampa ammettendo gli errori di tutta la squadra:  «Quel che mi dispiace è che alla prima difficoltà ci siamo sciolti. Era un esame e come spesso è accaduto quest’anno non siamo stati bravi a a fare il salto di qualità. Ci resta solo da fare mea culpa. La palla la facevamo girare anche bene ma ci è mancata la cattiveria per andare a concludere».

IL PAGELLONE
LA CRONACA DELLA PARTITA

Formazione stravolta Bisoli ha comunque difeso la decisione di mandare in campo dall’inizio Drolè e Bianchi stravolgendo l’attacco con cui era stata vinta la gara precedente: «Rifarei la scelta che ho fatto perchè Ardemagni e Fabinho erano affaticati dopo la partita con l’Avellino. Il Modena ha dato la sensazione di voler lottare per sopravvivere e per questo ha dato quel qualcosa in più.  Adesso – ha proseguito l’allenatore biancorosso – dobbiamo giocare con la massima intensità le ultime cinque partite. Abbiamo commesso delle gravi ingenuità e dobbiamo riprenderci. Proviamo a reagire a Novara altrimenti  a maggio faremo il bilancio di chi ha sbagliato. Occorre rialzarsi come quando abbiamo perso con Ascoli e Trapani, peccato perchè come prevedevo sono arrivati risultati favorevoli dagli altri campi ma noi abbiamo toppato clamorosamente la partita».

Squadra assente Il capitano dei grifoni Lorenzo Del Prete è dello stesso parere del tecnico: «E’ incredibile – ha detto il giocatore a Umbria radio –  il modo con cui sbagliamo alla prima occasione di dare una svolta alla stagione. Inutile preparare la prestazione in una certa maniera se poi giochiamo  in un modo completamente diverso e non facciamo le cose studiate in allenamento. Ci siamo parlati negli spogliatoi ma è chiaro che rimane tutto tra di noi. Siamo molto amareggiati».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250