martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:54
17 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:40

«Mio cognato mi ha chiuso a chiave in casa». Piegaro, condannato l’artigiano che ‘dormiva’

Presunta lite in famiglia, il giudice infligge una pena di cinque mesi al 63enne. La moglie: «Ha un alibi, era a letto». L'avvocato Francesco Gatti: «Sanzione eccessiva, ricorreremo in appello»

«Mio cognato mi ha chiuso a chiave in casa». Piegaro, condannato l’artigiano che ‘dormiva’
Il tribunale penale di Perugia (Foto F. Troccoli)

di En.Ber.

Condannato a cinque mesi di reclusione un artigiano 63enne di Piegaro ritenuto responsabile di aver chiuso a chiave, in casa, la cognata e il marito della figlia. Entrambi – è spiegato nella denuncia formalizzata nell’ottobre 2011 nella caserma carabinieri di Panicale – sono rimasti chiusi per circa un’ora. Stamani, quattro anni dopo i fatti, il giudice monocratico Loretta Internò ha inflitto la condanna. Addirittura superiore rispetto a quella richiesta dal magistrato della procura della Repubblica.

Il furto delle chiavi Oltre alla violenza privata che «ha costretto la donna e il genero a non poter uscire dall’appartamento» l’artigiano è stato anche accusato del furto delle chiavi di cui si è impossessato, inserite nella serratura, e di ingiurie ma quest’ultimo reato è stato depenalizzato. La cognata e suo genero – è stato ricostruito durante le indagini – hanno sentito il rumore del portone d’ingresso che è sbattuto mentre erano impegnati a portare via alcuni vestiti dalla casa di Piegaro.

La difesa Spiega il legale dell’imputato, l’avvocato Francesco Gatti: «La sanzione è eccessiva e non tiene conto del quadro probatorio. La moglie del mio cliente ha raccontato che lui era andato a letto prima dei fatti. Per di più un avvocato aveva sentito la madre dell’imputato esclamare ‘Non è vero niente’ in occasione di un incontro in cui si parlava dell’imputazione. La mamma del collega è morta ed è rimasta solo la testimonianza de relato del legale. In ogni modo non ci sono testimoni oculari che confermano la circostanza ma solo soggetti che avrebbero visto un’ombra e sentito delle voci». Gatti proporrà appello.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250