mercoledì 26 novembre 2014 - Aggiornato alle 03:42
12 maggio 2011 Ultimo aggiornamento alle 20:40

Meredith: Google chiude il blog pro-Amanda «Perugia shock», dopo la querela di Mignini

Il pm Giuliano Mignini (Foto F.Troccoli)

di Iv. Por.

Uno degli innumerevoli blog sorti intorno al caso dell’omicidio di Meredith Kercher, Perugia shock, è stato oscurato da Google. La notizia è stata diffusa dal Committee to Protect Journalists, o CPJ, organismo di tutela della libertà di espressione negli Usa. Il blog, uno dei più feroci contro il sistema giudiziario italiano per la condanna ad Amanda Knox, era gestito dal blogger Frank Sfarzo, querelato per diffamazione dal pm Giuliano Mignini a causa dei contenuti.

La chiusura Da quanto si legge sulla stampa di Oltreoceano, il blog www.perugia-shock.blogspot.com è stato chiuso intorno alle 6 del mattino del 10 maggio. Il sito, scritto in inglese, è stato gestito per tre anni dall’italiano Frank Sfarzo, più volte finito nel mirino degli inquirenti perugini per i toni eccessivi adoperati nel criticare l’incriminazione di Amanda Knox.

Google esegue Sfarzo è stato querelato per diffamazione e l’udienza si è svolta davanti al giudice di Firenze Paola Belsino il 23 febbraio scorso. Il giudice ha disposto con un decreto il sequestro del blog e Google ha dato esecuzione. «Google me lo ha comunicato per email – ha detto lo stesso Sfarzo al West Seattle Herald - non dicendomi perché, ma che si trattava di un ordine di un giudice». Sfarzo precisa di essere stato querelato da Mignini per aver scritto «alcune frasi che ha trovato (personalmente) offensive». Sfarzo ha detto al CPJ anche che alcuni membri della squadra mobile di Perugia lo avrebbero maltrattato fuori dal tribunale.

Il CPJ: lasciatelo online Il CPJ sul suo sito informa di aver chiesto alle autorità di Firenze e Perugia di tornare indietro dalla decisione e di rimettere online il blog. «Abbiamo chiesto a Mignini di far cadere la querela per diffamazione contro Perugia shock e lasciarlo rimanere online», afferma il Program Coordinator del CPJ per Europa e Asia Centrale Nina Ognianova.

©Riproduzione riservata

banner 468x60

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • pek

    Anche questa volta ci siamo fatti riconoscere…

    http://www.king5.com/news/Blog–121672114.html

  • sharapov

    Beh, data la reazione che la sua chiusura sta avendo in tutto il mondo non mi pare easattamente “uno degli innumerevoli blog sorti intorno al caso”…

  • pek

    E vabbè Sakarov, che t’aspettavi? Non è mica King 5 quà! E’ solo uno degli innumerevoli siti locali….

  • Qui Quo e

    Quà!
    Quà!Quà!Quà!

    Quà!Quà!

    Quà!Quà!Quà!

Condividi