lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 21:02
27 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:52

Marini: «Vertice a Palazzo Chigi per studiare come assistere i terremotati e gestire la ricostruzione»

La governatrice dell'Umbria: «Riunione molto positiva col governo. Affronteremo subito il tema della verifica dell’agibilità delle scuole»

Marini: «Vertice a Palazzo Chigi per studiare come assistere i terremotati e gestire la ricostruzione»
Il vertice a Palazzo Chigi con Renzi

«Un incontro molto positivo, concreto ed operativo»: così la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha definito la riunione che si è svolta ieri a Palazzo Chigi, presieduta dal presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi, con il sottosegretario Claudio De Vincenti, il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio ed i presidenti delle altre tre Regioni colpite dal sisma, Nicola Zingaretti (Lazio), Luca Ceriscioli (Marche) e Luciano D’Alfonso (Abruzzo).

Assistenza alla popolazione «Tra le diverse questioni – ha spiegato Marini – abbiamo esaminato le modalità di assistenza alla popolazione che a seguito dei danneggiamenti e lesioni subite alle proprie abitazioni a causa del sisma non potrà rientrare a breve nelle proprie case ed i primi aspetti relativi alla ricostruzione». I presidenti delle Regioni hanno concordato con il Governo, «e per l’Umbria – ha detto Marini – è una conferma della positive modalità effettuate nei precedenti terremoti», di ricostruire abitazioni e paesi esattamente in loco, dove erano, con la finalità di mantenere saldo il senso della comunità e di appartenenza dei cittadini dei centri colpiti ai propri territori.

Verifiche di agibilità scuole «Affronteremo immediatamente – ha annunciato la presidente – il tema della verifica dell’agibilità degli edifici scolastici e la valutazione di eventuali fabbricati alternativi per ospitare gli alunni, così da essere in condizione di garantire la normale ripresa dell’anno scolastico. Contemporaneamente – ha aggiunto – si procederà alla verifica dei fabbisogni di abitazione alternativa per quelle famiglie che non potranno rientrare nell’immediato nelle proprie abitazioni.

Le tendopoli La sistemazione nelle tende – prosegue il comunicato – rappresenta per noi una misura limitatissima, legata alle prime settimane dall’evento. Intendiamo infatti favorire l’autonoma sistemazione, considerando che molti edifici sono agibili e che per questa misura c’è il sostegno finanziario previsto dallo ‘stato di emergenza’, e la realizzazione di casette in legno nei quattro comuni più interessati dal sisma dove sono già partite le opportune valutazioni da parte del sistema della protezione civile».

Gestione coordinata «Nel corso della riunione – ha proseguito Marini – abbiamo condiviso una gestione coordinata e unitaria del percorso di ricostruzione, basato anche sull’impegno finanziario che il governo intende mettere in campo per intervenire sulla ricostruzione e la qualità e la sicurezza dei centri storici e dei comuni interessati». Ancora: «Il sistema di protezione civile umbro è perfettamente funzionante nella gestione dell’emergenza e da ieri, accanto alle attività di assistenza alla popolazione, le squadre tecniche della Regione e dei Comuni interessati dal sisma, affiancate dal contributo prezioso dei Vigili del fuoco, hanno avviato le verifiche sugli edifici strategici e sugli edifici privati destinati ad abitazione. In più i tecnici della Sovrintendenza, con l’ausilio della Protezione civile, hanno avviato le verifiche sul patrimonio artistico e monumentale così da realizzare opere provvisionali per mettere in sicurezza i beni danneggiati visto che è ancora in corso lo sciame sismico. Voglio ringraziare per il lavoro straordinario che sta svolgendo tutto il personale della protezione civile, della Provincia di Perugia e dei Comuni interessati, che insieme ai volontari è continuamente impegnato nelle 24 ore per assistere la popolazione e per svolgere le attività tecniche che consentono di passare il più rapidamente possibile dalla fase di emergenza a quella della ricostruzione. Sono molto vicina – ha concluso la presidente Marini – alle persone e alla popolazione che per la terza volta, in pochi anni, si è trovata a fronteggiare l’instabilità, la paura ed i danni subiti a causa del sisma». Ai funerali di Ascoli la Regione Umbria è stata rappresentata dal vicepresidente della Giunta, Fabio Paparelli.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250