8 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:06

Marco Squarta: «La lezione di civiltà dei terremotati umbri e i doveri dell’antimafia sulla ricostruzione»

Il capogruppo di Fratelli d'Italia esalta i sacrifici durante l'emergenza e avverte: 'Il lavoro dei giudici è prioritario per escludere i clan intenzionati a mettere le mani sugli appalti di Stato'

Marco Squarta: «La lezione di civiltà dei terremotati umbri e i doveri dell’antimafia sulla ricostruzione»
Marco Squarta, capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione

di Marco Squarta*

La compostezza delle popolazioni umbre colpite dal terremoto ha offerto una lezione di civiltà doverosa da restituire. La ricostruzione nei paesi della Valnerina è il punto dal quale si deve ripartire senza fare business sul dolore. Il dramma del 24 agosto dovrà riflettere l’esperienza del 1997. Sono arrivate le tendopoli, prontamente allestite, i primi stanziamenti, è stato raccolto denaro, cibo, flaconi di sangue, giocattoli. Vigili del fuoco e Protezione civile hanno svolto un lavoro egregio nella fase dell’emergenza e delle macerie ancora fumanti ma ora è il momento di ripartire. Con orgoglio. Il nostro Paese non ha bisogno di parole al vento. Nelle prossime settimane arriveranno azioni simboliche e clamorose da Palazzo Chigi ma ciò che interessa, oltre ogni slogan, è il piano di risanamento. Passata la scommessa del referendum niente dovrà finire sotto le macerie delle buone intenzioni. Ci vogliono investimenti per aiutare gli sfollati rimasti senza casa e senza futuro. E’ necessario un piano per estrarre la nostra economia dalla voragine chiamata stagnazione: un piano capace di ricostruire e allo stesso tempo di incidere nel sociale, nel settore occupazionale, turistico, di rivalutazione dei beni artistici e culturali. Un’efficace catena di controllo dovrà tagliare fuori la criminalità organizzata dalle speculazioni. Per i mafiosi che attraverso i loro fidati prestanome si nascondono dietro le imprese edili le tragedie rappresentano un’occasione imperdibile per arricchirsi illegalmente. Mafia e corruzione portano avanti i loro affari in maniera organica e bisogna prevenire le infiltrazioni in una regione come l’Umbria particolarmente esposta agli appetiti dei clan. Il lavoro preventivo della magistratura è prioritario per escludere le consorterie criminali intenzionate a mettere le mani sugli appalti di Stato. Il malaffare rappresenta l’altra faccia dell’Italia unita nel dolore e nella solidarietà verso quelle popolazioni in lacrime alle quali siamo, tutti, debitori di una lezione di civiltà.

*consigliere regionale e capogruppo di Fratelli d’Italia

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250