mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:58
9 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:52

Malattie della tiroide, screening da Terni a Foligno: il 73% delle persone visitate presenta alterazioni

Campagna di sensibilizzazione e prevenzione Aumat, 387 ecografie effettuate

Malattie della tiroide, screening da Terni a Foligno: il 73% delle persone visitate presenta alterazioni

di Marta Rosati

Raffica di ecografie da Terni a Foligno, passando per Narni, nella settimana della tiroide e si scopre che di 387 persone sottoposte al test, solo 106 sono nella norma. Il dato equivale a dire che in più di due cittadini su tre è stata riscontrata qualche anomalia, trattasi di alterazioni strutturali (il 26,1% del totale) o presenza di gozzo nodulare  (46,6% del totale).

Tiroide Lo screening è stato effettuato in forma volontaria e gratuita dall’Associazione umbra malati tiroidei (Aumat) nella settimana mondiale dedicata, lo scorso maggio, in collaborazione con l’Associazione nazionale finanzieri d’Italia e Croce rossa italiana. «I numeri  – sottolinea Camillo Giammartino, direttore della struttura complessa di endocrinologia dell’azienda ospedaliera di Terni – sono in linea con quelli registrati nelle edizioni passate dell’iniziativa, questa era la quinta e tutto sommato, anche se il campione di pazienti presi a riferimento non è significativo, non emerge nulla di nuovo rispetto a quanto è già scritto nella letteratura scientifica sull’argomento».

Aumat Lo screening si è limitato come da prassi alla valutazione ecografica ma per una diagnosi è necessario effettuare le analisi del sangue. Di certo, quello che emerge da questa prima visita è un segnale importante e poi quello che l’associazione ogni anno fa aderendo alla settimana mondiale della tiroide è sensibilizzare la popolazione ai rischi connessi con le patologie della ghiandola e ad adottare stili di vita corretti. L’Aumat, presieduta dal dottor Elio Proietti sta a tal proposito studiando anche un opuscolo informativo nelle farmacie e presso i medici di base. Intanto due sono le raccomandazioni ricorrenti: «Non fumate e utilizzate poco sale ma iodato».

Screening tiroideo Se questa è la parte legata alla prevenzione, esiste poi quella della cura e «dal Santa Maria all’Aumat, passando per il tribunale dei diritti del malato – è stato detto nel corso di una conferenza stampa venerdì mattina presso la facoltà di Medicina a Terni – si sta cercando di migliorare i tempi e le modalità di risposta ai pazienti». «Le Asl – ha detto il direttore generale dell’ospedale Maurizio Dal Maso – hanno il compito di fare rete e insieme abbiamo l’obbligo di rispettare i protocolli clinici per la presa in carico dei malati, soprattutto quelli cronici». Nell’aula A dell’università presente un malato tiroideo esponente del Tribunale del malato di cui anche il presidente Daniele Giocondi. Dal confronto tra le parti è emersa «la necessità di potenziare l’endocrinologia, razionalizzando le risorse umane per evitare il pendolarismo ospedaliero talvolta necessario».

@martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250