martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:26
13 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:41

L’Umbria abbraccia il Giro d’Italia, a Foligno emozioni con lo sprint del «Gorilla» Greipel

Carovana rosa sfila a Terni e Spoleto poi a tutta birra sulla piana di Foligno. La volata finale è da brivido, in rimonta vince il 33enne tedesco. Roscini: «Umbria al top col ciclismo»

L’Umbria abbraccia il Giro d’Italia, a Foligno emozioni con lo sprint del «Gorilla» Greipel

MULTIMEDIA

Guarda le foto

di C.F.

Foligno voleva lo sprint finale e lo ha avuto. Ad avere la meglio in volata con una rimonta impressionante è Andrè Greipel della Lotto, il «Gorilla» tedesco di 33 anni che vince per la quinta volta al Giro e, per quanto riguarda l’edizione 2016, è già doppietta. Il resto del podio invece parla italiano grazie a Giacomo Nizzolo e Sacha Modolo. Al di là dei tempi e dei vincitori, però, la festa rosa che tra venerdì e sabato ha invaso Foligno, arrivo e partenza di tappa, è immensa ed emozionante. Ma andiamo con ordine.

La doppia ordinanza di Foligno
Fotogallery: il traguardo

Trionfa il «Gorilla» Greipel La cronaca sportiva racconta anche della delusione di Marcel Kittel, che avrebbe dovuto essere uno dei protagonisti e invece a cinque chilometri dal traguardo è stato bloccato da una foratura. L’eroe di giornata ha invece il nome dello svizzero Stefan Kung, lanciatosi all’attacco in solitaria nelle ultime fasi della corsa ma ripreso quando all’arrivo mancavano circa 7 chilometri: «È stata una giornata dura, ringrazio la squadra – ha detto ai microfoni Rai – che ha fatto un grande lavoro sia per ricucire dopo la fuga e poi per portarmi davanti; si sono ammazzati. Io all’ultimo sono riuscito a trovare un buco per passare e sono uscito bene. Sono felicissimo».

Tom Domoulin rimane in maglia rosa Ad ammettere la superiorità di Greipel è il secondo classificato: «Cos’è mancato per vincere? Nulla, io forse sono partito lungo ma lui è stato più forte e mi ha passato negli ultimi metri. Peccato, ci credevo». E lui il Gorilla tedesco della Lotto festeggia così la seconda vittoria al Giro numero 99: «Dovevamo chiudere su una fuga molto forte e la mia squadra ha fatto un lavoro fantastico, l’inseguimento è stato davvero difficile. Sono contento di aver vinto ancora, il finale era nervoso. Se giocassimo a calcio direi che abbiamo fatto tripletta con tre vittorie consecutive, siamo davvero contenti». Per quanto riguarda la classifica generale, invece, non cambia nulla, Tom Domoulin rimane in maglia rosa.

Il grande giorno E di rosa si è tinta Foligno, ma anche le altre due città umbre che venerdì hanno salutato il Giro. Tanti prima a Terni e poi a Spoleto quelli che hanno voluto assistere al passaggio dei ciclisti, assiepati dietro le transenne nonostante il cielo nero. La pioggia alla fine non ha rovinato la festa nella città della Quintana dove i ciclisti sono stati accolte da migliaia di persone che hanno invaso la zona di via Nazario Sauro e San Domenico, dove è allestito lo sponsor village. Emozioni anche per i bimbi appassionati di due ruote che indossando le piccole maglie rose hanno partecipato alla Gazzetta cup racing: prima classificata la squadra di Assisi-Bastia, seconda Gubbio e terzo posto a Bovara (Trevi). Ma gli occhi non brillavano solo ai ragazzini.

 Roscini: «Umbria al top col ciclismo»  Entusiasta, al di là del vincitore, il presidente del comitato regionale della Federazione ciclismo, Carlo Roscini che a Umbria24 qualche minuto prima dell’arrivo ha affermato: «Si tratta di un grandissimo successo per l’Umbria che neanche due mesi fa ha ospitato anche la Tirreno-Adriatico, conquistandosi un ruolo di primissimo piano nel panorama ciclistico italiano. E di questo – dice – va ringraziato il Comune di Foligno e la famiglia Metelli». E Domenico Metelli, presidente dell’Ente Giostra, come due anni fa ha organizzato al Campo de li Giochi una sorta di benvenuto alla carovana rosa: «All’arrivo dei ciclisti a Foligno – ha spiegato – un cavaliere in arme ha girato sulla pista appena sistemata, un doveroso saluto al Giro ma anche l’inaugurazione del Campo della Quintana, che quest’anno festeggia il settantennale».

Partenza ottava tappa  Ma le emozioni non sono finite. Già, perché sempre da Foligno sabato alle 12.25 partirà la carovana rosa per l’ottava tappa con traguardo ad Arezzo, interessando le cittadine di Spello, Assisi, Pianello, Bosco, Pierantonio, Umbertide e Città di Castello con uscita dal territorio umbro prevista intorno alle 14.30.

Twitter @chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250