mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:51
1 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:24

Lugnano in Teverina, il teatro sulle sponde del lago: «Pochi fondi per la cultura? Ci adeguiamo»

Via alla kermesse ‘Water plays’: tra Giovanna d’Arco e una cena biologica con il pubblico

Lugnano in Teverina, il teatro sulle sponde del lago: «Pochi fondi per la cultura? Ci adeguiamo»

di Massimo Colonna

«Se non ci sono più soldi il teatro, come l’arte in generale, andrà avanti lo stesso». A costo di riunirsi sotto le stelle e sulle sponde di un laghetto privato. E’ questo lo spirito che muove Water plays, la rassegna teatrale che rientra nella kermesse “Oltre il visibile” in programma il 2 e il 3 settembre a Lugnano in Teverina.

Le attrici In programma tre performance sull’acqua con le attrici Valentina Valsania, Claudia Coli, Viola Graziosi e tre registi, ossia Graziano Piazza, Luchino Giordana, Ester Tatangelo. Il tutto nella inusuale scena dell’anfiteatro dello stagno, posizionato nel verde del casale del drammaturgo musicale Arturo Annecchino e allestito anche grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale di Lugnano.

Giovanna d’Arco Sul palco le storie di Giovanna d’Arco, Il Piccolo Principe e Aiace, tutte narrate da un punto di vista femminile con una riflessione sul senso del sacro nell’ottica di una connessione dell’uomo alla Terra e alla propria voce naturale. La rassegna, nata da un’idea di Arturo Annecchino e Maurizio Lucarelli e presentata ieri in conferenza stampa, vuole «praticare possibilità alternative di spettacolo dal vivo, spazi performativi e modalità di fruizione non convenzionali, che favoriscano un contatto diretto tra artisti e spettatori, tra uomo e natura».

L’arte che va avanti «E’ un progetto che vuole mettere in evidenza – ha spiegato la Coli – come il teatro trovi sempre forme per esprimersi, anche se in questo momento storico magari non ci sono fondi per la cultura. E allora noi ci organizziamo sulle sponde di un lago». Quattro proiettori teatrali a led e una valigia sonora costituiranno l’esclusivo supporto tecnico alle performance e saranno alimentati da energia solare. Ogni sera poi, a fine spettacolo, spettatori e pubblico sulle pietre di un antico lavatoio, consumeranno un pasto cucinato con i prodotti degli orti della campagna circostante.

@tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250